Il primo sito web in Italia sul femminismo e le sue degenerazioni

L’uomo che ha preferito il suicidio alle umiliazioni del social-femminismo e ha fatto cadere il regime

Mohamed Bouzisi detto Basboosa aveva 26 anni e vendeva frutta in Tunisia per mantenere la madre e le sorelle, quando la funzionaria Feyda Hamdi del regime socialista gliela ha confiscata, umiliandolo e schiaffeggiandolo in pubblico.

Il giornalista Severginini, quando viaggiava per l’Unione Sovietica, preferiva scherzarci narrando di “casellanti con lo sguardo spietato, come sempre le donne socialiste quando viene dato loro un distintivo, un cappello o una paletta”.

Mohamed ha chiesto giustizia, e quando gli è stata negata ha scritto alla madre:

Perdonami se non faccio come dici. Rimprovera il nostro tempo. Non rimproverare me. Vado e non tornerò. Non ho pianto. Non c’è spazio per il rimprovero quando viene tradito il popolo.

Si è dato fuoco davanti al palazzo presidenziale.

Il suo sacrificio ha acceso la rivolta che ha fatto cadere il regime socialista che aveva vinto le elezioni con il 99% dei voti. La Tunisia era l’avamposto femminista nel mondo islamico: il dittatore Ben Ali, oltre ad aver accolto Bettino Craxi in fuga dall’Italia, aveva introdotto aborto a spese dello stato, divorzio e mantenimento statale per le divorziate, il potere materno sui figli, quote rosa per le donne del Partito messe in posti di potere. L’arroganza di una di loro ha portato al suicidio di Mohamad ed alla rivolta che ha fatto cadere il regime, estendendosi a domino nel mondo arabo.

Nel 2011 la Tunisia ha potuto per la prima volta votare quasi liberamente: le quote rosa al 50% ancora imposte dal femminismo non hanno impedito ai Tunisini di eleggere come primo partito con il 38.9% dei voti gli islamici moderati di Ennahda.

Fonti:

  • http://en.wikipedia.org/wiki/Mohamed_Bouazizi
  • http://en.wikipedia.org/wiki/Tunisian_Constituent_Assembly_election,_2011
  • http://www.independent.co.uk/news/world/africa/tunisia-i-have-lost-my-son-but-i-am-proud-of-what-he-did-2190331.html
  • http://www.theglobalist.com/storyid.aspx?StoryId=6305say/
Number of View :841

Comments are closed.