“Nel nome dei Figli” testo cult sulla giustizia familiare, finalmente richiesto da case editrici a distribuzione nazionale

Ringraziamo l’autore dott. Vittorio Vezzetti per aver consentito a questo sito la pubblicazione di alcuni brevi capitoli:

E congratulazioni!  Ormai superate le 4000 copie malgrado la diffusione semiclandestina, sono iniziate a pervenire richieste da nuove case editrici a distribuzione nazionale.

I commenti dei lettori:

Leggendo questo libro straordinario pensavo molto di piu’ alla situazione difficile dei miei genitori,della loro storia infelice.Una storia che forse non volevo capire. Vedo le cose in un modo diverso,da un altro punto di vista.Capisco di piu’ Il terribile sistema giuridico,che funziona cosi’ non solo in Italia ma anche nel mio paese (la Macedonia).Per me l’importanza della figura del padre e’ piu’ chiara. Ho vissuto con una ignoranza,ma con questo libro ho cominciato pian piano a distruggerla.Un grandissimo ringraziamento allo scrittore per avermi aperto gli occhi!

[03/08/2011]

Maria

 

Voglio dirle che ho letto il suo libro ed è semplicemente incredibile. Non posso che accodarmi agli elogi di chi mi ha preceduta. Poesia ed emozioni vanno a braccetto con i contenuti sostanziosi del testo. Bravo! Fra tanti libriccini un vero libro.

[22/06/2011]

Mariangela

 

Ho letto e riletto questo libro e anche in seconda lettura l’ho trovato stupefacente..sempre carico di emozioni , di richiami che hanno risvegliato i miei ricordi per studi passati. Ogni citazione e’ stata riportata quasi fosse il romanzo stesso a richiamarla..sono un’insegnante delle scuole medie e non sono per ma fortuna coinvolta in vicende di separazione…ma questo è un libro che dovrebbe entrare nella scuola come manuale per il corpo docente..un grazie all’autore.Prof.ssa Mariangela

[14/06/2011]

Gio

 

Il buon Antonio Gramsci, molti anni fa diceva che DIRE LA VERITA’ è RIVOLUZIONARIO. Ebbene questo librò è rivoluzionario perchè toglie il coperchio su una rete di complicità fra classe politica, magistratura, avvocati e psicologi. La lettura è coinvolgente ed appassionante, questo libro fa paura al SISTEMA di POTERE dominante. Diffondendolo e facendolo conoscere romperemo un muro di silenzio e faremo non una piccola ma una GRANDE RIVOLUZIONE.

[13/06/2011]

VIC

 

  • Caro Vittorio, ho iniziato la lettura del libro senza sapere come avresti trattato questi argomenti tanto sensibili all’interno di un romanzo. Poi, solo dopo righe, il libro mi ha tirato dentro prendendomi per il bavero e ad un certo punto non capivo se stavo leggendo un saggio od ancora un romanzo. Bravo, mi hai portato dentro e fuori dai tribunali con una sensibilità degna di una mamma e con la protezione forte di un papà.
  •  Non ho avuto mai paura, sapevo che eri lì in ogni riga. Dovrebbe essere riscritto sotto forma di favola per spaventare i nostri figli in modo che non si avvicinino mai ai Tribunali, come con la favola di Cappuccetto Rosso che serviva a tenere lontano i nostri figli dai boschi e dai lupi. Solo che in questo caso non esiste il buon Cacciatore che salvava Cappuccetto Rosso e Nonna. Grazie! – PS: Ma che ne è stato di quei nonni che hanno perso la loro casa comprata con anni di sacrificio? Potranno mai riavere quella loro casa? Non farmi aspettare un nuovo libro per sapere le loro tristi sorti.

[20/04/2011]

Laura

 

Le volevo dire che ho letto il suo incredibile libro.

E’ bellissimo, è semplicemente strepitoso, io lo definirei come una bomba ad orologeria, che spero riesca al più presto a far scoppiare le coscienze di ogni autorità;

e’ un mix di poesia, cronaca, e thriller.

Mi ha affascinata con la sua poesia, e mi ha, altresì intrigato ed emozionato, tra le altre, la storia del Signor Cusumano nel capitolo de “il Testimone”.

A me, ha fatto piangere in particolare la storia del Signor Monetti, nel capitolo degli animali domestici.

E poi ho pianto alla fine subito dopo averlo terminato, per via del suo finale thriller.

Secondo me il suo libro è un’opera di altissimo spessore poetico, ironico, di narrazione realistica , di tecnicità giuridica,

nonchè un bellissimo ed inaspettato thriller.

 

[24/03/2011]

Laura

 

Un’analisi lucida di un sistema che fa acqua da tutte le parti. Tanti brevi capitoli che riescono a scansionare la società italiana e l’animo umano a profondità impensabili. Ho iniziato la lettura con un scetticismo aprioristico ma mi son dovuto ricredere in fretta. E’ un libro da leggere.

[03/03/2011]

Cri Cri

 

Caro Vittorio,

ti giunga il mio più caloroso ringraziamento per quanto hai fatto e quanto stai facendo per tutti “Noi” Separati e soprattutto per i nostri “Figli”.

Il libro è STRA-ORDINARIO!

Personalmente, nel mio piccolo provvederò ad acquistarne diverse copie per recapitarle a Giudici della 1^ Sezione Civile di Napoli; ad Avvocati e Psicologi del Capoluogo Campano.

Di fronte alla realtà, …..il prezzo del libro è niente!

Nella mia battaglia personale, mi resta la speranza ed in essa auspico che qualcuno dei sopracitati possa cambiare mentalità nel bene e nell’interesse dei minori.

Grazie ancora

[28/02/2011]

Agata

 

Ho finito di leggere il romanzo.

A me e’ piaciuto molto ed ho trovato alcuni capitoli straordinari.

Brevi ma intensi. Il migliore in assoluto :

-Lettera a un magistrato mai nato

Con calma, scrivero’ una mail all’autore, con un commento generale.

Nel frattempo a lui i miei saluti e i miei complimenti.

Questa iniziativa e’ da apprezzare in tutti i sensi. Valida negli scopi, intelligente nei contenuti, ammirevole come impegno e costanza.

[08/02/2011]

Berben

 

Ciao a tutti. Questo è un libro che non potrà passare sotto silenzio. Aiutiamo Vittorio nella sua opera di divulgazione perchè questo è un libro senza precedenti.

[27/01/2011]

Plinia

 

Uno straordinario affresco della società italiana e un testo essenziale per comprendere il Diritto di Famiglia.

[22/01/2011]

Marek

 

Ora che ho terminato la lettura posso dirvi che erano i 15 euro meglio spesi nella mia educazione ed istruzione extrascolastica. E’ stato un onore avere conosciuto i personaggi ritratti in questa superrealistica narrazioine. “Immenso” Aqillani! Mi ha aperto degli nuovi orizzonti. “Nel nome dei figli” potrebb’essere un valido ed indimenticabile regalo per chiunque.

[13/01/2011]

Marek

 

Non ho parole per descrivere quanto lo trovo interessante per il Suo senso dell’umorismo nella drammaticità globale del “resoconto” delle vite distrutte. Ho appena letto 50 pagine e non vedo ora di continuare per capire meglio i mecanismi che determinano la giustizia italiana.

[12/01/2011]

max

 

il tuo libro un capolavoro della narrazione tutta l’emilia si complimenta con te avanti cosi a tutta forza

[12/01/2011]

papadede

 

E’ un testo fondamentale per quanti vogliano conoscere i reali meccanismi di un sistema ormai completamente avulso dalle stessi leggi. Si narra di un mondo che assomiglia a un girone dantesco, il girone dei separati, impotenti di fronte ai giudici, privati dei figli, offesi, ricatatti e spesso piegati.

Cerchiamo di diffonderlo in ogni modo, portiamolo in giro come un grido collettivo.

GrazieVittorio!

[04/01/2011]

avvocatok

 

Sono un avvocato. Ho avuto modo di leggere questo libro e devo dire che mi è parso di rivivere in pieno l’ambiente che vi è descritto. Nella fattispecie, personalmente non avrei trovato nè le parole nè l’idea (tanto meno il coraggio) per descrivere meglio ciò che accade quotidianamente nelle aule nelle quali lavoro. Avvincente e stimolante.

[30/12/2010]

Ligna1968

 

30.12.2010

…..non ho parole per esprimere un GRAZIE all’autore che mi ha regalato tanti spunti di riflessione, tanti sorrisi e tante emozioni in questo momento particolare della mia vita…. essendo appena entrata (o uscita?) da una separazione fortunatamente meno conflittuale (ho 2 figli)…GRAZIE !!!!

Un modo speciale di finire il 2010….e per iniziare uno splendido 2011 all’insegna dei pensieri sui bei contenuti del libro, mai pesante, mai superficiale… semplicemente fantastico!!! Prometto che lo consiglierò a tutti quelli che conosco!! GRAZIE Vittorio!!

[21/12/2010]

Rosa

 

sto leggendo il libro e sono letteralmente allibita nel leggere che cosa succede nel mondo dei separati…….mi coinvolge e sconvolge ma soprattutto in alcuni punti mi commuove a tal punto che devo fermarmi un attimo e poi……. imperterrita riprendo e continuo a leggerlo

[15/12/2010]

Debora

 

Più lo leggi e più lo leggeresti…

[02/12/2010]

Beria

 

Libro fuori categoria. Con una marcia in più. Capolavoro assoluto. Non ho parole.

[02/12/2010]

Mastro

 

A quanto pare il libro è andato a ruba…

Io l’ho recuperato venerdì nel Varesotto.

Complimenti al Dott.Vezzetti a cui mi vien logico chiedere se abbia mai pensato di cambiar mestiere e di dedicarsi alla scrittura…

Potente la caratterizzazione dell’Avv. Aquilani, interessante il racconto di vicende che sembrano intrecciarsi per puro caso, e che invece sono pezzi di quel meraviglioso mosaico che si rivelerà sempre più procedendo nella lettura

[02/12/2010]

Moni

 

Devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa dal tono narrativo, mi aspettavo un trattato sull’argomento e invece il libro consegna al lettore: l’essere umano “Carlo” , con le sue emozioni e la sua sofferenza, la sua incredulita’ di  fronte ad una macchina “quella della giustizia” che non ha tempo per i vissuti personali ed allo stesso tempo la sua voglia di non diventare una delle tante storie in cui si imbatte.

Interessante e carismatica la figura dell’avvocato, che malgrado le tante battaglie perse con suoi clienti passati non perde la speranza che per il protagonista possa esserci un finale diverso.

E per il momento qui mi fermo……

Lo sto letteralmente divorando seguendo questo crescendo di impotenza e frustrazione che si va pian piano delineando.

Le riscrivo appena arrivo alla fine.

Complimenti

[02/12/2010]

Giovanni

 

Ho finito il libro. Bellissimo! Una critica al sistema ragionata che compendia tutto quello che sta alla base delle nostre rivendicazioni. Complimenti!

 

[02/12/2010]

Andre

 

A me non piace il genere romanzo ma questo è diverso! Se passa questo cade tutto! Me lo sto contendendo con mia madre. Complimenti!!

[02/12/2010]

XY

 

Ho letto questo libro, è fantastico, è lo specchio della realtà in Italia. Consiglio a tutti di leggerlo. Propongo il 15 di gennaio di organizzare una manifestazione, un sit-in, a Roma davanti al Ministero della Giustizia per dare più peso alla Class action in corso. Nel frattempo si potrebbe anche appoggiare Vittorio nella divulgazione del suo capolavoro. Inoltre spedirei una copia del libro al Santo Padre Benedetto XVI

[02/12/2010]

Marco

 

Ti scrivo con un po’ più di tempo a disposizione: IL TUO LIBRO CHE HO LETTO IN TRE GIORNI più liberi per me dai miei impegni è FENOMENALE…..potrei commentare positivamente ogni capitolo (….ma il tuo lavoro precedente al pediatra era quello di SCRITTORE??????? Sei bravissimo nella narrazione!). Tra tutte le gratificazioni c’è stata tuttavia una piccola parte che secondo me ha stonato un pochino col resto, cioè del “RAPPORTO SESSUALE ESTREMO” narrato verso la fine del libro, anche se si comprende che ha un senso nella globalità.

[02/12/2010]

avvocato

 

La figura dell’avv. Aquilani è formidabile. Ogni capitolo mi fa rivivere in poche righe fatti e circostanze (dai rapporti con i magistrati a quelli con la controparte) che sperimento spesso nell’esercizio della mia attività professionale. E poi è un testo che non si prende troppo sul serio: nonostante la drammaticità del tema trattato, infatti, alcuni passaggi sono anche ironici (tipo l’attesa dei testimoni nei corridoi del tribunale e la reazione di uno di loro allorquando il magistrato esce fuori dall’aula e candidamente dice loro che li avrebbe sentiti non prima di sei ore), il che non guasta mai. Davvero complimenti.

[25/11/2010]

Rw1392

Number of View :4852 Share
Questa voce è stata pubblicata in Nel nome dei figli, Primo Piano. Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Nel nome dei Figli” testo cult sulla giustizia familiare, finalmente richiesto da case editrici a distribuzione nazionale

  1. carlo zeuli scrive:

    Ho letto anch’io quel libro. Ha il grande valore manualistico di aprire gli occhi a chi crede ancora nella giustizia! Credo che non ci si debba fermare, per obiettività e cultura, ad un solo libro, considerato Cult. Ne esistono di altri. Io ne ho scritto uno e vi porgo il link: http://www.autoriitaliani.it/autoriaffiliati/carlozeuli/ della CSA Editrice, a livello nazionale. Se lui è daccordo e voi me lo richiedete, possiamo mettere alcuni stralci in rete, da voi. Saluti. Carlo Zeuli

I commenti sono chiusi.