La violenza domestica nella comunità LGBT


Serena Skinner, con i bambini Emily e Harley, osserva un minuto di silenzio durante una veglia a lume di candela per ricordare le vittime di violenza domestica.

 

Forze dell’ordine, agenzie governative, e la popolazione in generale riconoscono che la violenza domestica è un problema serio di sanità pubblica. Il tipo di abusi piu’ frequente coinvolge partner del sesso opposto in un comportamento aggressivi sia fisici che psicologici, dove la vittima di solito è la femmina.

Meno universalmente riconosciuta, invece, la violenza domestica tra partner dello stesso sesso.

La ricerca indica che la violenza domestica tra coppie dello stesso sesso si verifica in percentuali simili a quelle della violenza domestica tra coppie eterosessuali. Purtroppo, vittime di violenza domestica in relazioni omosessuali non ricevono l’aiuto necessario.

Secondo gli autori della ricerca, ciò è dovuto alla mancanza di riconoscimento giuridico delle relazioni omosessuali, alla mancata applicazione di una legge che consenta di assistere correttamente, in casi di violenza domestica, persone dello stesso sesso. Da considerare inoltre la scarsità di risorse disponibili per persone conviventi omosessuali vittime di abusi .

Il legislatore e i fornitori di servizi sociali devono quindi riconfigurare il modello tradizionale di prevenzione della violenza domestica includendo l’assistenza ad individui coinvolti in relazioni omosessuali.

Tasso di violenza domestica in coppie dello stesso sesso

La maggior parte delle famiglie gay e lesbiche sono felici, sane e ben funzionanti, come avviene per famiglie eterosessuali.

La violenza domestica in famiglie dello stesso sesso, tuttavia, esiste.

Gli studi hanno evidenziato che la violenza domestica si sviluppa tra coppie dello stesso sesso in percentuali paragonabili a quelle delle coppie eterosessuali:

  • Da una su quattro a una su tre, le persone coinvolte in relazioni omosessuali hanno sperimentato forme di violenza domestica.
  • A titolo di confronto, una ogni quattro donne eterosessuali ha avuto esperienze di violenza domestica nella sua vita.

Confrontando la violenza domestica in coppie eterosessuali e omosessuali

Entrambe le vittime dritti e gay della violenza domestica sperimentare un modello simile di abuso, anche se con alcune distinzioni importanti.

La violenza domestica in coppie etero e omosex ha molte caratteristiche comuni:

  • Il modello di abuso comprende un circolo vizioso di maltrattamenti fisici, emotivi e psicologici, lasciando la vittima con sentimenti di isolamento, paura e senso di colpa.
  • Gli autori di abusdi spesso hanno gravi malattie mentali e sono stati loro stessi abusati da bambini.
  • L’abuso psicologico è la forma più comune di abuso mentre gli autori di maltrattamenti fisici spesso ricattano i loro partner nel silenzio.
  • Spesso si verificano contemporaneamente abusi fisici e sessuali.
  • Nessuna razza, etnia, o classe socio-economica è esente.

Ma la violenza domestica in relazioni omosessuali si distingue per molti versi dalla violenza domestica nei rapporti eterosessuali:

  • Picchiatori gay o lesbica minaccerà “outing” le loro vittime a colleghi di lavoro, familiari e amici. Questa minaccia è amplificata dal senso di isolamento estremo tra le vittime gay e lesbiche dal momento che alcuni sono ancora rinchiusi da amici e familiari, hanno meno tutele per i diritti civili, e non hanno accesso al sistema giuridico.
  • Vittime gay e lesbiche sono più riluttanti a denunciare gli abusi alle autorità legali. I sopravvissuti non possono contattare le forze dell’ordine perché così facendo sarebbero costretti a rivelare il loro orientamento sessuale o la loro identità di genere.
  • Vittime gay e lesbiche sono riluttanti a chiedere aiuto per paura di mostrare una mancanza di solidarietà tra la comunità gay e lesbica. Allo stesso modo, molti uomini e donne omosesessuali nascondono il loro abuso per il forte timore che la società possa percepire la loro relazione omosessuale come intrinsecamente disfunzionale.
  • Vittime gay e lesbiche hanno maggiori probabilità di reagire rispetto alle donne eterosessuali. Questo può portare le forze dell’ordine a ritenere che gli abusi siano reciproca, aprendo così il problema al più ampio contesto della violenza domestica come risultato di giochi di potere nel controllo nella relazione.
  • Tossicodipendenti possono minacciare di togliere i bambini alla vittima. In alcuni Stati, le leggi non consentono l’adozione a genitori dello stesso sesso. Questo può lasciare la vittima senza diritti legali in caso di scioglimento del matrimonio. L’aggressore può facilmente usare i bambini come leva per evitare che la vittima lo/la lasci o per impedirgli di cercare aiuto. Anche quando la vittima è il genitore legalmente riconosciuto un violentatore può minacciare la vittima con lo spettro di ritorsioni da parte di assistenti sociali ostili a gay e lesbiche, che potrebbe tradursi in una perdita di custodia. Nel peggiore dei casi i bambini possono quindi anche essere affidati all’aggressore.

Le sfide per affrontare la violenza domestica tra persone dello stesso sesso

Il modello generalmente accettato di un aggressore di sesso maschile e una vittima di sesso femminile non può essere facilmente applicato quando si tratta di relazioni omosessuali. Esistono quindi reali difficoltà affinché anche nelle coppie omosessuali i problemi di violenza domestica possano essere riconosciuti e affrontati come nelle coppie etero:

  • Le autorità spesso non hanno conoscenza di come gestire i casi di violenza domestica che coinvolgono persone dello stesso sesso. Un operatore potrebbe confondere due maschi che vivono insieme per compagni di stanza, per esempio. E gli operatori possono non segnalare un episodio di violenza domestica, dato che le due parti in causa possono essere riluttanti a divulgare la loro relazione. In alcuni casi la vittima sarà invece presa in carico perché fisicamente più piccolo.
  • Partner dello stesso sesso non hanno le risorse necessarie per riuscire ad uscire da relazioni violente. Mentre rifugi violenza domestica appaiono sempre più sensibili ai bisogni delle vittime lesbiche, le vittime gay di sesso maschile sono raramente ammesse. Servizi per gli uomini gay sono praticamente inesistenti.
  • Le vittime di violenza domestica omosessuale non hanno lo stesso riconoscimento e la stessa tutela giuridica, come avviene nelle coppie etero. Attualmente esiste un mosaico di leggi statali che offrono una certa protezione per le vittime gay e lesbiche di violenza domestica. Alcune leggi di copertura le vittime gay e lesbiche esplicitamente nelle loro leggi anti-violenza domestica, mentre altri coprono le vittime gay e lesbiche ma di genere neutro lingua. E’ necessaria una legge federale è necessario per fornire protezione, uniforme e completa, alle coppie dello stesso sesso.

Soluzioni politiche per affrontare la violenza domestica tra persone dello stesso sesso.

Un certo numero di soluzioni politiche che affrontare le sfide che entrambe le vittime ei sopravvissuti di persone dello stesso sesso faccia la violenza domestica. Essi includono:

  • Nuova interpretazione giuridica delle leggi in violenza domestica a tutti i livelli di governo che incorpora coppie dello stesso sesso nelle definizioni di violenza domestica e parti correlate.
  • Fornire locali, statali e finanziamenti federali per educare forze dell’ordine e servizi sociali circa le persone LGBT, stabilire persone dello stesso sesso programmi di prevenzione della violenza domestica, e organizzazioni di sostegno che riguardano specificamente dello stesso sesso la violenza domestica.
  • Mandated formazione culturale di competenza per le organizzazioni che ricevono fondi federali per l’attuazione della prevenzione della violenza domestica o di programmi di trattamento.

Conclusione

La violenza domestica tra coppie dello stesso sesso è un problema serio di sanità pubblica. Vittime dello stesso sesso faccia la violenza domestica aggiunto sfide nel tentativo di ricevere aiuto, come indicato sopra. Più vittime gay e lesbiche di abuso riportano le loro esperienze come il pubblico è diventato sempre più ad accettare di relazioni omosessuali. Tuttavia, gli ostacoli alla parità di trattamento tra coppie dello stesso sesso rimangono. I sopravvissuti di persone dello stesso sesso la violenza domestica in grado di ricevere il riconoscimento e l’aiuto di cui hanno bisogno con ulteriori ricerche, una migliore formazione per gli addetti delle forze dell’ordine, e maggiori finanziamenti per i programmi pertinenti.

Download this fact sheet

 

http://www.americanprogress.org/issues/2011/06/lgbt_domestic_violence.html

Number of View :3440
This entry was posted in Archive, News. Bookmark the permalink.

2 Responses to La violenza domestica nella comunità LGBT

  1. francesco says:

    BUON GIORNO A TUTTI

    HO UN PROBLEMA DI QUESTO GENERE.
    HO UN COMPAGNO CHE AMO DA MORIRE, MA IL SUO ESSERE MANESCO STA DIVENTATO IMPOSSIBILE PER ME.
    OGNI VOLTA CHE DISCUTIAMO DI QUALCOSA LA SUA REAZIONE TERMINA CON VIOLENZA NEI MIEI CONFRONTI.
    IERI SERA PER UN LEGGERO RITARDO SONO STATO PRESO A CALCI NEL SEDERE, SCHIAFFEGGIATO ED OGGIO HO LIVIDI OVUNQUE.
    COSA POSSO FARE? A CHI CHIEDERE AIUTO?
    GRAZIE

  2. Ettore says:

    Se la relazione è nata così dubito molto che possa cambiare. Se le cose fossero andate degenerando nel tempo magari ci si potrebbe anche interrogare su dove il rapporto sia deragliato ma da quello che mi sembra di capire dal poco che hai scritto non mi sembra ci siano margini di manovra. L’unica soluzione è chiudere la relazione, onestamente non vedo altra soluzione.
    Non so dove abiti, ma se ti trovi vicino al confine con la svizzera puoi provare a interpellare i centri che loro hanno apposta per seguire gli uomini che vivono queste situazioni.

Comments are closed.