Femminista attacca cavallo e rimane uccisa


Una femminista, reduce da nove condanne al carcere per atti violenti quali l’aver aggredito un uomo o aver attentato con una bomba alla casa in costruzione di un altro uomo, è morta nel tentativo di bloccare la corsa equestre Derby di Epsom.

L’epsiodio si è verificato il 4 giugno 1913, quando la femminista invadeva la pista dedicata ai cavalli mentre in piena corsa sopraggiungeva Anmer, cavallo del Re d’Inghilterra, Giorgio V.

Il fantino sopravvisse ma rimase sconvolto dall’episodio e si suiciderà anni dopo.

Anmer riuscì a sopravvivere, ed alcune volte a piazzarsi sul podio in successive competizioni.

La femminista riportava fratture e decedeva pochi giorni dopo.

 

Number of View :1877
This entry was posted in Violenza di genere. Bookmark the permalink.