I maschi pentiti

Alla pari delle “lesbiche separatiste” sono la manifestazione più inquietante del femminismo.  Stiamo parlando dei cosìdetti “maschi pentiti”: uomini che aiutano le femministe a odiare e denigrare il genere maschile, praticando quello che gli americani chiamano “male bashing”.

Spesso sono intellettuali di sinistra: gli stessi che Lenin chiamava “utili idioti”.

Ci sono o ci fanno?

Erin Pizzey, la scrittrice che sollevò il problema della violenza domestica e fondò i primi centri anti-violenza, poi caduti in mano a femministe, osservò il fenomeno e li descrive così:

Emergeva la figura del loro “Uomo Nuovo” e non era un bel vedere. Ripetendo come un pappagallo le parole della sua compagna, partecipava alle riunioni femministe, impegnandosi a sembrare coinvolto. In realtà mi sembravano scioccati e scocciati. Le femministe non si sforzavano di avere una relazione paritaria con i loro partners. Si vedevano come esseri superiori. Gli uomini dovevano stare tre passi dietro ed ubbidire. Chi si ribellava, veniva cacciato dalla casa matrimoniale e — in molti casi — allontanato dai propri bambini. C’era una legione di avvocate e psicologhe femministe per aiutare le “sorelle” a distruggere gli uomini.

Forse non hanno capito che le vere donne disprezzano lo zerbinaggio?

Forse si tratta solo di uomini che agiscono per interesse?

Che tipo di uomini possono essere coloro che arrivano addirittura a cercare di negare l’alienazione genitoriale (PAS), l’abuso sull’infanzia provocato da calunnie femministe?

La risposta è arrivata dal più autorevole rappresentante della categoria degli uomini femministi, quello psicologo sudamericano che pubblicava articoli finalizzati al negazionismo della PAS su riviste vicine al femminismo e nel contempo diceva che tutti i maschi possono essere pedofili.

La sua carriera terminò il giorno che venne arrestato in flagranza di reato nel corso di una retata anti-pedofilia: oggi è stato condannato in via definitiva per  “promozione ed esercizio di corruzione ed abuso sessuale su minori”.

Letto:5981
Questa voce è stata pubblicata in Internazionale femminista e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a I maschi pentiti

  1. Pingback: Una Convenzione che contrasti la violenza nazifemminista » Centro Ascolto Femministe Maltrattanti

I commenti sono chiusi.