Perché la società penalizza gli uomini? La risposta della teoria economica sessuale

Nel sesso, le donne sono i fornitori e gli uomini costituiscono la domanda (Baumeister e Vohs 2004). Quando le donne sono in minoranza, il mercato sessuale è conforme alle loro preferenze: relazioni stabili, verginità diffusa, partner fedeli, e matrimonio precoce. Ad esempio, i campus americani del 1950 erano conformi a questo modello. Nella nostra analisi, le donne beneficiano di tali circostanze, perché la loro domanda di sessualità supera l’offerta. Al contrario, quando le donne sono la maggioranza, come nei campus di oggi così come in alcune comunità di minoranze etniche, l’equilibrio si sposta verso ciò che gli uomini preferiscono: molto sesso senza impegno, matrimonio in ritardo, accoppiamenti extradiadici, e simili.

E ‘di moda per descrivere tutte le relazioni di genere come oppressione e vittimizzazione delle donne. Quando le donne erano una minoranza fra gli studenti, questo è stato interpretato come indicazione che le donne sono state vittime di discriminazione oppressiva. Ora che le donne sono la maggioranza, sono vittime a causa di non essere in grado di dettare i termini di comportamento romantico e sessuale. Gran parte della discussione di Regnerus rispetta questa tradizione dominante. Come scienziati sociali interessati a entrambi i sessi, useremo questo breve articolo per ridurre lo squilibrio e discutere alcune implicazioni per gli uomini (cfr. Baumeister e Vohs 2004).

I mercati sessuali prendono la forma che hanno perché la natura ha biologicamente costruito uno svantaggio negli uomini: un enorme desiderio per il sesso che rende gli uomini dipendenti dalle donne. Il maggior desiderio dell’uomo lo pone in una situazione di svantaggio, come quando due parti stanno negoziando una possibile vendita o affare: quello che è più desideroso di fare l’affare è in una posizione più debole. Anche le donne desiderare sesso – ma fino a quando la maggior parte delle donne lo desiderano meno della maggior parte degli uomini, le donne hanno un vantaggio collettivo, ed i ruoli sociali e le interazioni seguirà un sistema che dà alle donne un vantaggio rispetto agli uomini (Baumeister et al 2001.). Abbiamo anche concluso che la soppressione culturale della sessualità femminile in gran parte della storia e in molte culture diverse è in gran parte aveva le sue radici nella ricerca di vantaggio sul mercato (cfr. Baumeister e Twenge 2002). Le donne hanno spesso sostenuto il loro vantaggio sugli uomini, esercitando pressioni su altre donne per limitare l’offerta di sesso a disposizione degli uomini. Come con qualsiasi monopolio o di cartello, restringendo l’offerta il prezzo sale.

Vale la pena di sottolineare che la soppressione culturale della sessualità femminile è una vittoria particolare per la teoria sessuale economica. Le due prospettive teoriche dominanti sul sesso, la psicologia evolutiva e la teoria femminista / costruzionista, entrambi fortemente prevedono il contrario. Entrambe le concezioni propongono che le culture reprimono la sessualità femminile per servire gli interessi degli uomini. La teoria dell’evoluzione ha detto che la soppressione culturale della sessualità femminile deriva dal fatto che gli uomini volevano frenare la sessualità delle donne, in modo da essere sicuri che il loro partner sarebbe stato fedele (così che gli uomini potessimo essere fiduciosi nella paternità). La teoria femminista quasi sempre si rifà all’oppressione maschile, e quindi la soppressione culturale della sessualità femminile riflette i desideri degli uomini di dominare le donne, di possederle e/o di impedire loro di trovare l’appagamento sessuale. In entrambi i casi, la soppressione culturale della sessualità femminile dovrebbe venire dagli uomini. Eppure l’evidenza schiacciante indica che la soppressione culturale della sessualità femminile nasce ed è sostenuta da donne (Baumeister e Twenge 2002). Solo la teoria dell’economia sessuale prevede questo risultato. Similmente a come l’OPEC cerca di mantenere un alto prezzo del petrolio sul mercato mondiale, limitando la fornitura, le donne hanno spesso cercato di mantenere un prezzo elevato per il sesso, limitando la reciproca volontà di fornire agli uomini quello che vogliono.

A volte gli uomini hanno cercato di migliorare le loro possibilità per il sesso mantenendo le donne in una posizione di svantaggio in termini di economici, educativi, opportunità politiche, e altri (Baumeister e Vohs 2004). Per esempio, i ricercatori hanno scoperto che a New York nel 1800, numero sorprendentemente elevato di donne occupate ricorso alla prostituzione occasionale di integrare i loro magri salari (Elias et al. 1998). Ma in generale questa strategia maschio fallito. Le donne sembrano aver realizzato collettivamente che il sesso è la cosa principale che avevano da offrire gli uomini, al fine di ottenere un pezzo di ricchezza della società, e quindi limitato l’accesso sessuale tanto quanto possibile, per mantenere un prezzo elevato. Studi recenti hanno scoperto che in un ampio campione di paesi oggi, la liberazione economica e politica delle donne è positivamente correlata con una maggiore disponibilità di sesso (Baumeister e Mendoza 2011). Pertanto, l’accesso degli uomini al sesso si è rivelato essere massimizzato non tenendo le donne in una condizione economicamente svantaggiata e dipendente, ma consentendo loro di avere accesso abbondante e opportunità. In un senso importante, la rivoluzione sessuale degli anni 1970 in sé era una correzione del mercato. Dopo che alle donne sono state concesse ampie opportunità per l’istruzione e la ricchezza, non avevano più interesse a tenere in ostaggio il sesso (Baumeister e Twenge 2002).

Che cosa significa tutto questo per gli uomini? Le tendenze sociali suggeriscono l’influenza continua di un fatto stabile, vale a dire il forte desiderio dei giovani per l’attività sessuale. Poiché l’ambiente è cambiato, gli uomini hanno semplicemente adattato il loro comportamento per trovare il modo migliore per raggiungere questo stesso obiettivo. Prima del 1960, era difficile fare sesso senza sposarsi o almeno impegnarsi, e così gli uomini preferivano sposarsi presto.  Per qualificarsi come materiale da matrimonio, l’uomo doveva avere un lavoro o almeno una forte prospettiva  (ad esempio sulla base di un diploma di laurea imminente). L’obiettivo primario dell’uomo di ottenere sesso lo motivava a diventare un cittadino rispettabile contribuendo alla società.

Il fatto che gli uomini divenissero membri utili della società a causa dei loro sforzi per ottenere il sesso non è banale, e può contenere indizi importanti per quanto riguarda il rapporto fondamentale tra gli uomini e la cultura (cfr. Baumeister 2010). Anche se questo può essere considerata una caratterizzazione poco lusinghiero, e non può attualmente essere considerato un dato di fatto, non abbiamo trovato alcuna prova in contraddizione con il principio generale di base che gli uomini faranno tutto ciò che è necessario per ottenere il sesso, e non molto più.   Se, per ottenere sesso gli uomini devono diventare pilastri della comunità, o accumulare ricchezze, o essere romantici o divertenti, molti uomini faranno proprio questo. Ciò pone la corrente sessuale free-for-all nei campus universitari di oggi in una luce un po ‘meno attraente di quanto possa sembrare a prima vista. Dare ai giovani un facile accesso ad abbondanti soddisfazione sessuale priva la società di uno dei suoi modi per motivarli a contribuire risultati preziosi per la cultura.

I cambiamenti nella politica di genere dal 1960 può essere visto come uno scambio, in cui entrambi i sessi hanno ceduto qualcosa di minore importanza per loro, al fine di ottenere qualcosa che volevano di più (Baumeister e Vohs 2004). Come afferma Regnerus, gli uomini desiderano il sesso, più che le donne (Baumeister et al. 2001). Le donne, dal canto loro, vogliono non solo il matrimonio ma anche l’accesso alle carriere e trattamento preferenziale nei luoghi di lavoro.

In sostanza gli uomini hanno dato dato alle donne non solo un facile accesso, ma anche un trattamento preferenziale nelle istituzioni che compongono la società, create dagli uomini. Oggi la maggior parte delle scuole, università, aziende, organizzazioni scientifiche, governi, e molte altre istituzioni hanno politiche esplicite per proteggere e promuovere le donne. E ‘una pratica standard di assumere o promuovere una donna davanti a un uomo altrettanto qualificato.    La maggior parte delle grandi organizzazioni hanno politiche e cani da guardia che tutelano gli interessi delle donne e garantiscono che le donne ottengano un trattamento preferenziale rispetto agli uomini. Politiche o strutture per proteggere gli interessi degli uomini sono in gran parte inesistenti e in molti casi sono espressamente vietate.  Qualunque nuova legge è attentamente esaminata da giuristi femministe che criticano rapidamente ogni aspetto che potrebbe essere problematico o svantaggioso per le donne, e così tutte le nuove leggi sono a favore delle donne. Nessuno favorisce gli uomini, e così i cambiamenti strutturali che favoriscono le donne e penalizzano gli uomini hanno accelerato (Baumeister e Vohs 2004).

Tutto questo è un po ‘ironico, nel contesto storico. Le istituzioni di grandi dimensioni sono state quasi tutte create dagli uomini. L’idea che le donne fossero deliberatamente oppresse da essere escluse da queste istituzioni necessita di un abile, modo selettivo, e motivato di guardarle. Ancora oggi, il femminismo è una storia di donne che esigono trattamento preferenziale nelle strutture organizzative e istituzionali che gli uomini creano, e non donne che creano organizzazioni ed istituzioni loro stesse. Quasi certamente, ciò riflette una delle differenze fondamentali motivazionali tra uomini e donne: la socialità femminile si concentra pesantemente su rapporti uno-a-uno, mentre la socialità maschile si estende a reti più grandi di relazioni (per esempio, Baumeister e Sommer 1997 , Baumeister 2010). Le donne quasi mai creano grandi organizzazioni o sistemi sociali. Questo fatto può spiegare la maggior parte della storia delle relazioni di genere, in cui il sesso nei pressi della parità delle società preistoriche è stato gradualmente sostituito da una progressiva disuguaglianza, non perché gli uomini si sono uniti per opprimere le donne, ma perché il progresso culturale nasce dalla sfera maschile con le sue reti di grandi dimensioni di rapporti superficiali, mentre la sfera delle donne è  rimasta invariata in quanto la sua struttura sociale ha sottolineato intensi rapporti uno-a-uno con l’esclusione di tutto il resto (vedi Baumeister 2010). In tutto il mondo e nel corso della storia (e preistoria), il contributo di grandi gruppi di donne al progresso culturale è stato irrisorio.

L’ironia è che gli uomini collettivamente si mettono in svantaggi strutturali nelle organizzazioni che gli uomini stessi hanno creato.  Le grandi strutture sociali che compongono il mondo degli affari, del governo e della politica, le relazioni economiche, la scienza e l’innovazione tecnologica, e simili, sono creazioni di sesso maschile, ma i giovani che entrano in uno di essi sono tenuti ad accettare la norma formale che le donne saranno trattate preferenzialmente ad ogni passo. Come possiamo spiegare questa notevola ironia della storia?

In effetti, il mondo del lavoro è un posto scoraggiante per un giovane di oggi. Le femministe osservano il continuo dominio degli uomini in cima alla maggior parte delle organizzazioni, ma questo è fuorviante, se non addirittura in malafede. Gli uomini creano la maggior parte delle organizzazioni e lavorano sodo per il loro successo. In effetti, uno studioso cerca invano di trovare nella storia grandi organizzazioni create e gestite da donne, che non hanno contribuito nulla al di là di lamentarsi degli uomini e richiedere una parte più grande dei frutti del lavoro maschile.

Perché gli uomini tollerano di dare alle donne il sopravvento nelle istituzioni della società? Spetta agli uomini creare la società (perché le donne quasi mai hanno creato grandi organizzazioni o sistemi culturali). Sembra sciocco e controproducente per gli uomini poi cedere docilmente il trattamento vantaggioso in tutte queste istituzioni alle donne. Inoltre, nonostante molte eccezioni individuali, in generale, in media gli uomini lavorano di più in queste istituzioni rispetto alle donne, in modo che sono gli uomini a salire ai vertici. Di conseguenza, le donne continuano a guadagnare meno soldi e hanno uno status inferiore rispetto agli uomini, fatto che paradossalmente è interpretato nel senso che il trattamento preferenziale delle donne deve essere continuato e persino aumento (vedi recensione di molte prove in Baumeister 2010). La società moderna non è lontano da abbracciare politiche esplicite di “parità di retribuzione per meno lavoro”. Indipendentemente da questa prospettiva, sembra che il trattamento preferenziale delle donne in tutta la forza lavoro sia abbastanza stabile. A causa della minore motivazione ed ambizione delle donne, probabilmente mai le donne otterranno risultati simili agli uomini, ed i minori risultati sono presi dalla politica come motivazione per continuare e possibilmente aumentare il trattamento preferenziale per le donne.

Ma questo modello di comportamento maschile ha più senso se si tiene presente che ottenere il sesso è una priorità assoluta per gli uomini, soprattutto giovani. Essere in posizione di svantaggio permanente prospettive di occupazione e la promozione, a causa di politiche di azione affermativa che favoriscono le donne, è certamente un costo per i giovani, ma forse non uno particolarmente saliente. Che cosa è saliente è che il sesso è abbastanza facilmente reperibile. Come riporta Regnerus, anche un uomo con prospettive di carriera tristi (ad esempio, dopo aver abbandonato la scuola superiore) può trovare un vasto assortimento di giovani donne disposte a condividere il suo letto.

Ricordamo, inoltre, che la motivazione apparente per la carriera di molti uomini è il desiderio per il sesso. Cioè, uno scopo principale del lavoro è stato quello di rendersi attraente per le donne come un partner sessuale potenziale, compreso come marito fino a quando il matrimonio era la strada principale al sesso. Al giorno d’oggi i giovani possono saltare la strada stancante di ottenere prospettive di istruzione e di carriera per qualificarsi per il sesso. Né devono sposarsi ed accettare tutti i costi, compresi il condividere i loro guadagni a vita e rinunciare per sempre altre donne. Partner sessuali femminili sono disponibili senza tutto questo.

Quindi forse i giovani non si preoccupano più di tanto di come le maggiori istituzioni sociali nel mondo del lavoro sono diventate sempre più sbilanciate a favore delle donne. Il sesso è diventato facile e gratuito. Questa è la versione odierna dell’oppio per le masse maschili. Il maschio che si porta a letto più donne si sta godendo la vita, e quindi non può notare che il suo sviluppo educativo e professionale è vagamente ostacolato da tutte le leggi e le politiche che spingono le donne davanti a lui. Dopo tutto, una delle ragioni principali per cui voleva fare carriera era stato quello di fare sesso, che ha già.  Fare carriera può avere ancora un certo fascino, ma senza dubbio era più convincente quando era di vitale importanza per ottenere sesso. Il successo non è così importante come una volta, quando era un prerequisito per il sesso.

Se gli uomini non hanno bisogno di una carriera di successo per fare sesso, allora per cosa necessitano di successo? Alcune ricerche indicano che la motivazione nella carriera si intensifica davvero per gli uomini quando diventano padri. Infatti, è noto da tempo che la transizione alla genitorialità ha effetti opposti per sesso. Le nuove madri recedono dal loro lavoro e dalle loro carriere, mentre i nuovi padri abbracciano il lavoro e la carriera con serietà e motivazione maggiore (per una rassegna vedi Baumeister 1991).

Molti di questi cambiamenti sono fuori del controllo di chiunque, e così i nostri commenti qui non hanno lo scopo di prescrivere un cambiamento radicale nelle politiche. Eppure, è istruttivo considerare come questi cambiamenti possono influenzare il futuro della società.

Per quanto riguarda il lavoro, i cambiamenti della società stanno producendo meno contributo di uomini e di più contributo da parte delle donne. Queste cose potrebbero compensarsi, con pochi o bassi costi per la società. Eppure, sostituire i lavoratori con le lavoratrici può portare ad alcune modifiche, nella misura in cui i due generi hanno un approccio diverso al lavoro. Rispetto agli uomini, le donne hanno più alti tassi di assenteismo, cercano ricompense sociali più di quelli finanziari, sono meno ambiziose, lavorano di meno in generale, sono più inclini a prendere estese interruzioni di carriera, e si identificano meno con le organizzazioni per cui lavorano. Esse sono più avverse al rischio, con conseguente minor numero di imprenditori e di invenzioni. (Baumeister 2010, ha osservato uno squilibrio spaventoso di genere nei nuovi nuovi brevetti, nessuno sta seriamente suggerendo che l’ufficio brevetti operi una discriminazione sistematica nei confronti delle donne, ma le donne semplicemente non si applicano per i brevetti come gli uomini.) Le donne sono meno interessate nei settori scientifici e tecnologici. Creano meno ricchezza (per sé e per gli altri).

Nel frattempo, le implicazioni dei cambiamenti sociali degli ultimi anni per il matrimonio potrebbe riempire un libro. La teoria sessuale economica ha evidenziato una grande quantità di dati che descrivono il matrimonio come una transazione in cui il maschio contribuisce alle risorse, mentre la donna contribuisce sesso (Baumeister e Vohs 2004). Cosa accadrà nei prossimi decenni? Il contributo femminile del sesso al matrimonio è evanescente: con l’età le donne, che perdono il loro fascino sessuale, molto più velocemente di come gli uomini perdono il loro status e le risorse, e alcune prove allarmanti indicano anche che le mogli piuttosto rapidamente perdono il loro desiderio per il sesso (Arndt 2009). Per sostenere un matrimonio in diversi decenni, molti mariti devono adattarsi alla realtà di dover contribuire con il lavoro e altre risorse per una moglie il cui contributo di sesso si riduce drasticamente in quantità e qualità e che può anche disapprovare fortemente di lui che cerca la soddisfazione in alternativa punti vendita come la prostituzione, la pornografia, e flirt extraconiugale.

Noi ipotizziamo che i giovani di oggi possano essere eccezionalmente mal preparati per una vita di fame sessuale che è la sorte di molti mariti moderni. La visione tradizionale che una moglie debba soddisfare sessualmente il marito senza la propria mancanza di desiderio è stato erosa, se non demolita, dall’ ideologia femminista che ha incoraggiato le mogli e mariti ad aspettare pazientemente fino a quando la moglie vuole in realtà il sesso, con il risultato che il matrimonio è un episodio prolungato di fame sessuale per il marito.  I giovani di oggi passano la loro giovane età adulta a fare sesso con partner multipli, e ci sembra essere una preparazione estremamente povera per una vita di fame sessuale.

Articolo pubblicato su

http://www.springerlink.com/content/vg7322727mgl1875/fulltext.html?MUD=MP

a firma di Roy F. Baumeister e Kathleen D. Vohs

Letto:2445
Questa voce è stata pubblicata in gap salariale. Contrassegna il permalink.