STOP alla violenza femminista su bambini, uomini e famiglie

«Io non vado a scioperare per i miei figli: ci vado per quella di Fabrizio, per quella di Francesco, e per i figli di tutti gli altri che sono, realmente, nella situazione che io ho già vissuto. Fabrizio non può essere radicale fino all’estremo perché sua figlia è piccola, così come molti figli di voialtri. I miei sono grandi e ormai li ho persi. Non lo faccio per loro…».

Lo annuncia Antonio Cerquone: un papà, che ha fatto e farà lo sciopero della fame.

Fabrizio Adornato è altro un papà, che sta facendo lo sciopero della fame chiedendo che il Presidente della Repubblica ascolti i disastri che le sentenze sessiste stanno causando contro i nostri figli.

Il movimento femminile per la parità genitoriale organizza una manifestazione a Roma per il 5 ottobre 2011.

 

 

Letto:3467
Questa voce è stata pubblicata in affido condiviso. Contrassegna il permalink.

Una risposta a STOP alla violenza femminista su bambini, uomini e famiglie

  1. Nuovo Cuore scrive:

    L’ingiustizia e la disparità di trattamento è così grande che a mala pena ricordo i miei figli dopo che mi sono stati portati via. Anche se in realtà sono stato io ad essere stato allontanato, ricevendo un trattamento peggiore di quello riservato ai cani randagi.
    A causa non solo della diversità di trattamento riservata ai padri, e agli uomini in generale, ma soprattutto alla totale mancanza di giustizia vigente, all’imperfezione delle leggi e all’arroganza rasente l’idiozia di chi amministra la legge. Per non parlare infine delle crociate personali intraprese da certi magistrati.

I commenti sono chiusi.