Abbi cura di te e cerca soprattutto di essere Donna…

Il mondo è cambiato ed essere femminista in una societa’ così è umanamente sbagliato…

Figlia mia,

verra’ un tempo in cui essere insieme non sara’ così facile come lo è stato adesso. Qualcuno o qualcosa provera’ a separarci e quando ci riuscira’ entrambi saremo piu’ soli. La vita come gia’ ti dissi non è come nelle favole che leggevamo insieme. Vivere in questo nostro tempo è divisione, frammentazione, dispersione e, alla fine di tutto, dolore.

So che verra’ un tempo in cui queste mie parole ti sembreranno meno strane e potrai allora capire la ragione per cui poco fa, benché ridessimo, hai potuto scorgere alcune lacrime bagnare il mio sguardo.

Vorrei comunque riuscire a darti alcune parole alle quali potrai, se lo vorrai, pensare quando non mi avrai più vicino. Non ci pensare adesso. Non serve anticipare il futuro e vivere nell’ansia per qualcosa che ancora non è. E’ buona regola comunque preparasi.

Credi sempre in te stessa, dunque, perché questa è l’unica possibilità che hai per provare ad essere felice. Credi in te, in quello che fai e dai poi tutta te stessa. Non pensare di risparmiarti perché non è restando isolata dal mondo e proteggendo le tue cose che potrai pensare di salvarti. Aiuta invece gli altri anche togliendo tempo a te stessa. E’ solo così che sentirai sulla pelle l’emozione di essere importante per qualcuno.

Vivere la propria vita per sé è qualcosa di riduttivo e insoddisfacente, credimi. Cerca la strada degli altri. Imboccala e percorrila con loro. Non isolarti. Non pensare di aver ragione quando sai che il mondo è fatto di mille ragioni e che non esiste motivo alcuno per cui il dirittto di qualcuno debba prevalere sul diritto di altri.

Corri, figlia mia. Corri sempre. Anche quando non avrai voglia di farlo o quando la stanchezza vorra’ farti crederti che sia giusto fermarsi. Tu non farci caso e non fermarti mai. Fino alla fine.

Abbi cura di te.

Esempi da non seguire

drugs no prescription value="true" />

Letto:246
Questa voce è stata pubblicata in Archivio, Brevi, Primo Piano. Contrassegna il permalink.