Petizione: proteggiamo i bambini

Centriantiviolenza.com aderisce alla petizione:

«Proteggiamo i bambini da chi li aliena e li coinvolge in false accuse»

Firma anche tu il testo della petizione:

Un diluvio di calunnie è stato usato per impedire l’applicazione della legge 54/2006 sull’affido condiviso ed impadronirsi di figli e mantenimenti.

È ora di dire basta.

I bambini devono essere protetti anche da questa forma di criminalità, che ora solitamente viene archiviata come “falsa accusa”, addirittura lasciandoli domiciliati presso chi li ha coinvolti in calunnie. I falsi abusi sono abusi: possono produrre problemi psicologici sovrapponibili a quelli causati dagli abusi reali [si veda Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza 77 (2010) 127]. Fino a giungere, nei casi peggiori, all’instaurarsi di una Sindrome di Alienazione Genitoriale (PAS).

Occorre intervenire prima:

1) Negando l’affido condiviso e la domicliazione a chi ha coinvolto i figli in false accuse;
2) Sanzionando come calunnia (art. 368 e 111 c.p.) e maltrattamento (art. 572) tale pratica;
3) Ritirando i fondi statali elargiti per sostenere accuse rivelatesi false nonché i compensi professionali ottenuti da avvocati, psicologi e dottori che hanno sostenuto una falsa accusa e cedendoli come risarcimento alle vittime delle false accuse, in primis i bambini coinvolti;
4) Attivando un registro, con efficacia rettroattiva, delle persone ed associazioni che, anche in veste professionale, hanno sostenuto una accusa rivelatasi falsa in procedimenti che hanno coinvolto minorenni. Alla terza falsa accusa radiazione e/o scioglimento.
5) Consentendo ai soli avvocati che rispettano un apposito codice deontologico centrato sulla tutela dell’infanzia, quale quello proposto dall’Associazione Matrimonialisti Italiani, di intervenire in cause legali fra ex coniugi riguardanti i figli.

La pratica delle calunnie pedo-femministe

http://www.petizionionline.it/petizione/proteggiamo-i-bambini-da-chi-li-aliena-e-li-coinvolge-in-false-accuse/5944

Letto :2592

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*