Profiling

50 anni, lesbica odiatrice di uomini, comunista anarchica, 90-90-90, avvocata specializzata in false accuse, attivista in centri “sociali” o “anti-violenza”, giustifica brigatismo rosso, black-block, e alienazione genitoriale.

Ecco l’identikit della femminista maltrattante disegnato dal Centro Ascolto Femministe Maltrattanti.

Nota bene: ovviamente il problema non è il comunismo né il lesbismo ma quella forma di odio di genere che si manifesta nel fenomeno delle “lesbiche separatiste”, ovvero quelle donne talmente misandriche da rifiutare i contatti con gli uomini e diventare lesbiche, e che costituiscono il nocciolo duro del femminismo che odia gli uomini, vuole distruggere la famiglia, e colpisce i bambini.

Noi crediamo che i bambini abbiano il diritto di avere una famiglia serena. O almeno ad entrambi i loro due genitori, seppur separati.

Noi crediamo che esporre i bambini a false accuse ed all’odio di genere fino a causare loro l’alienazione genitoriale sia un maltrattamento e ci chiediamo come mai ormai solo femministe radicali tentino di negare tale realtà.

Visto che il CAFM viene minacciato di mail-bombing, invitiamo le lesbiche normali (che sicuramente sono la maggioranza) a non farsi strumentalizzare dalle odiatrici di uomini che disonorano la loro categoria ed a capire che il benessere dei bambini è più importante della correttezza politica. Grazie.

Letto: 2283

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*