Una figlia di femminista rende pubblica la sua triste infanzia

Rebecca, figlia della icona femminista A.W., ha così narrato la propria infanzia: “quasi rinunciavo a diventare mamma, per via di essere stata cresciuta da una femminista rabbiosa che pensava che essere mamma fosse la peggior cosa che può capitare ad una donna. Vedete, mia madre mi insegnava che i bambini schiavizzano le donne … Da bambina non mi permetteva nemmeno di giocare con le bambole o con giochi che solleticassero l’istinto materno. Mi aveva fatto credere che essere madre, accudire i figli, mantenere una casa era una forma di schiavitù. … Quando avevo 16 anni scoprii una poesia in cui mi confrontava a varie calamità che hanno impedito a donne di fare le scrittrici”.

A 8 anni i genitori divorziarono: “Il femminismo è il principale colpevole per aver denigrato gli uomini ed incoraggiato le donne a cercare l’indipendenza, senza interessarsi di far pagare qualunque costo alle famiglie.”

A 13 anni la madre la lasciava sola ed iniziò a fare sesso: “credo che per mia madre fosse un sollievo, perché così la impegnavo di meno. E credeva che essere sessualmente attiva fosse per me un atto di empowerment. … A 14 anni rimasi incinta, e abortii. Non ricordo che mia madre fosse scossa. … Cercavo una madre tradizionale. La seconda moglie di mio papà, era una donna materna, che amava i suoi cinque figli. C’era sempre cibo in casa sua, e faceva tutte le cose che mia madre ignorava, come fare foto ai figli e dire loro quanto erano fantastici”.

Da adulta decise di avere un bambino, e da allora la madre femminista troncò ogni contatto con lei, scrivendole di non essere più interessata a farle da madre. Conclude: “il femminismo ha ridotto una intera generazione di donne ad essere senza figli. È devastante. … Ho scoperto quello che realmente è importante: una famiglia felice”.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk/femail/article-1021293/How-mothers-fanatical-feminist-views-tore-apart-daughter-The-Color-Purple-author.html#ixzz1S94yyV4n

Letto: 3439

2 comments

  1. da sempre le femministe rovinano quello che è equilibrato.il fatto che x loro l uomo sia un essere che nn serve a nulla se nn a creare problemi.questa esperienza,la dice lunga.l uomo e la donna sono fatti strutturalmente in modo diverso,e anche emotivo.la donna ha,ad es,muscoli molto piu forti dell uomo,porta in grembo x 9 mesi un bambino,lo partorisce e lo allatta.tutto questo è meraviglioso.l uomo nn lo puo fare.emotivamente siamo molto piu forti dell uomo.l uomo ha una forza fisica maggiore della donna x quanto riguarda portare pesi oppure lavori che richiedono prestanza fisica.la donna ha un sesto senso che l uomo nn ha,ma,l uomo è fatto x proteggere la donna e rispettarla.se venissero insegnate queste cose,si capirebbe che l uomo ha come complemento la donna,e nn come peso.certo ognuno dovrebbe rispettare l altro…le femminista mi son sempre state antipatiche,nn capisco nulla,di cio che vuol dire essere madre.sono contrarie in tutto,contrarie ad un nascituro che ha il diritto di viviere anziche esser massacrato con l aborto.mi verebbe da dare un sacco di martellate sulle falangi,e fargli fare lavori duri.visto che si considerano al pari dell uomo.

    • Laica on August 3, 2012 at 5:46 pm

    Barbara, se ti ritieni inferiore che ci fai su internet? Torna a pulire, schiava.

Comments have been disabled.