Archive for the ‘Senza categoria’ Category

Femministe armate minacciano di morte 14 persone

17 gennaio 2013

In un video apparso su youtube alcune femministe leggono con voce di odio il nome di 14 persone.

Fra di essi Fredrik Rheinfeldt, nuovo primo ministro della Svezia, paese in cui per la prima volta la sinistra femminista ha perso le elezioni.

Pär Ström, altro nome nella lista, ha detto che per tutelare l’incolumità della sua famiglia smetterà di occuparsi di temi di genere.

https://youtube.com/devicesupport

 

Secondo le femministe ogni critica al femminismo sarebbe “odio contro le donne”.

Parigi: 800mila in piazza per difendere i bambini e la famiglia dal nazi-femminismo

13 gennaio 2013

Strauss-Kahn, candidato alla presidenza francese, subì una falsa accusa di stupro.

E così il nuovo presidente della Francia è diventato il femminista Hollande.

E così sono iniziate le leggi anti-uomo, che aiutano ad accusare gli uomini ed i papà separati.

E così, il femminismo sta tentando di distruggere la famiglia equiparandola alle coppie lesbiche anche nell’affido dei bambini.

Oggi una folla oceanica è scesa in piazza per dire no.

 

Violenza nazi-femminista in India

25 dicembre 2012

Guerriglia urbana a New Delhi.   Nazifemministe hanno lanciato pietre, bottiglie, scarpe, monete contro gli agenti, attacchi a camionette della polizia e autobus, macchine rovesciate ed incendiate, chiedendo la pena di morte contro gli uomini accusati di stupro.  Un giornalista uomo è rimasto ucciso.

Devastata camionetta della polizia

Già negli anni passati in India avevamo visto donne in rosa con il bastone, violenza contro gli uomini che non rispettavano la pretesa di “vagoni rosa” nei treni per sole donne, secondo l’ideologia del femminismo lesbico separatista.

Femministe insultano i poliziotti

È successo che una ragazza è stata stuprata, ed il ragazzo che la accompagnava ferocemente picchiato.  Gli ubriachi colpevoli della violenza sono stati prontamente arrestati.  Ma associazioni femministe hanno aizzato la folla al grido di “uccidete i bastardi”, “impiccateli”.

Si scatena la violenza femminista

Violenza nazi-femminista che ricorda quanto accaduto a Roma nel 2007, in una manifestazione programmata dopo la legge sull’affido condiviso per creare allarme sociale dando il via ad un’epidemia di false accuse contro papà separati risultata in abusi sui loro bambini.

“Il mondo è proprietà della donna”

USA: una proposta per salvare gli uomini calunniati

10 ottobre 2012


Grazie ai test del DNA stanno venendo riconosciuti innocenti decine di uomini condannati a decine di anni di galera sulla base della sola parola di una accusatrice.

Le più attendibili statistiche dicono che quasi metà delle accuse di stupro sono false.

Le false accuse di stupro sono anche utilizzate da madri criminali per appropriarsi dei figli eliminando i loro padri per via giudiziaria.

Negli USA si dibatte come porre fine a questa violazione dei diritti umani.

I politici che avessero il coraggio di sfidare il femminismo e proporre la cancellazione delle leggi anti-uomo che aiutano le calunniatrici verrebbero diffamati e distrutti dalle femministe come amici degli stupratori.

I magistrati spesso evitano di perseguire penalmente le calunniatrici, limitandosi ad indirizzarle a percorsi di recupero psichiatrico.

Paul Elam riflette che non è dal sistema che ha causato il problema che può arrivare la soluzione.

La soluzione proposta si basa su di una particolarità del sistema giudiziario USA, voluta da Thomas Jefferson per proteggere i cittadini dagli abusi del potere: nella giustizia USA non è il giudice a determinare se le persone accusate sono colpevoli.  È una giuria popolare, composta da cittadini comuni.

Nei processi normali,  la giuria viene informata di tutti i fatti rilevanti.  Nei processi per stupro il femminismo ha fatto votare leggi che impediscono di rivelare i precedenti delle accusatrici.  Nel passato ha accusato falsamente altri uomini? Alla giuria verrà nascosto.   Ha scritto testi in cui ammetteva perversioni?   Alla giuria verrà nascosto.

Emblematico è il caso Strauss-Kahn, l’uomo che oggi sarebbe stato Presidente della Francia, se una donna non lo avesse accusato senza alcuna prova oggettiva.    Lei mantenuta anonima.  Le femministe hanno voluto questa ingiustizia per “evitare pregiudizi sulle accusatrici”.   Lui esibito in manette e dipinto come un mostro mentre branchi di femministe gli urlavano contro.  Perché dei pregiudizi sugli uomini accusati non importa niente a nessuno.   Si è salvato perché l’accusatrice ha telefonato ad un amico spacciatore in galera per chiedergli quanto potrebbe guadagnare dall’accusa.    La polizia la ha intercettata non perché indagasse su di lei, ma perché indagava sullo spacciatore.

E allora, la proposta è che per salvare un uomo falsamente accusato basta che uno solo dei giudici popolari, invece di farsi influenzare dal giustizialismo nazi-femminista, faccia il seguente ragionamento: “la colpevolezza non è provata al di là di ogni ragionevole dubbio perché esistono leggi che mi impediscono di sapere tutta la verità;   esiste il ragionevole dubbio che la accusatrice sia una calunniatrice che sfrutta questa legge venendo aiutata da uno di quei PM che cercano di fare carriera sulla pelle di uomini e bambini”.

La falsa accusa di stupro

13 agosto 2012

Quando i soldati alleati nel 1945 entrarono nel Reich nazista, venivano avvicinati da donne tedesche che all’improvviso gridavano allo stupro.  La tecnica era stata pensata dai gerarchi del nazismo, che sapevano che il codice militare americano prevedeva la pena di morte per i soldati che avessero stuprato civili.

Alcune delle fraulen accusatrici risultarono vergini, altre risultarono essere prostitute.  E così vennero prese le adeguate contromisure.

Oggi avvocate nazi-femministe istruiscono le donne che vogliono separarsi ad accusare di stupro i propri ex-mariti, ovviamente senza alcuna prova, al solo scopo di impadronirsi dei bambini il tempo necessario per alienarli.

Fonte: Kenneth L. Dixon, “Army Thwarts Fake Rape Plot”  The Racine Journal-Times, 15 Maggio 1945, pagina 2.

Nella letteratura

7 agosto 2012

“Le assetate” è un romanzo sulla distopia nazi-femminista: nel Belgio degli anni ’70 una rivoluzione guidata da femministe sfocia in un regime totalitario.

I Paesi Bassi si isolano dal resto d’Europa andando a costituire il primo stato femminista al mondo, completamente autarchico e chiuso, come si confà agli stati totalitari.

A capo dello stato sta la Pastora, grande guida politica e spirituale. Intorno a lei le Quattro Grandi, consigliere della despota. Sotto di lei lo sterminato esercito delle Brigadiere, che seminano il terrore e mantengono l’ordine nello Stato. Gli uomini vengono costretti a fare ammenda del loro fondamentale peccato: essere uomini. Prostrati e ridotti in schiavitù, vengono indotti alla evirazione e all’annullamento di sé.

In Francia, questa Viragoland isolata dal resto del mondo suscita l’ammirazione di alcuni esponenti dell’intellighenzia parigina, colta e vanesia.

Quiriny mostra il paradosso dell’aberrazione di un’ideologia progressista e l’accecamento degli intellettuali di fronte all’incarnazione della loro utopia

 

http://www.tempi.it/se-il-mondo-fosse-mano-alle-femministe-comuniste#.UCDfRKkmVos

http://www.transeuropaedizioni.it/dettaglio_libro.php?id_libro=161

http://www.viadeiserpenti.it/le-assetate-bernard-quiriny.html

Sui media

17 luglio 2012

Anche in Italia i media iniziano ad occuparsi del “nazi-femminismo”.

Il termine è stato ripreso da GenioDonna, testata giornalistica centrata sulle pari opportunità, che scrive:

“il nazifemminismo, quello che non disdegna nemmeno le false accuse di abusi, su se stesse e sui minori, per distruggere l’ex marito”   [Fonte: genio_donna]

Il termine è poi approdato sulla prima rete nazionale, dalla voce del conduttore e giornalista Tiberio Timperi.

Nazifemminismo. Ne parla Tiberio Timperi

Ma il mezzo di comunicazione più rapido nel trattare questo nuovo fenomeno è stato internet.  “Nazi-femminismo” al momento compare su 30mila pagine internet: il 2% di quante usano il termine “femminismo”.  Percentuale che pone l’Italia alla pari con i paesi più avanzati: in lingua inglese 500mila pagina usano il termine “feminazi”, anche qui il 2% circa di quante usano il termine “feminism”.

L’indottrinamento dei bambini

5 luglio 2012

Nelle scuole naziste i bambini venivano esortati a denunciare perfino i propri genitori, se questi pronunciavano frasi negative nei confronti d i Hitler o dell’ideologia nazista.  “Spontaneamente”, bambini dovevano portare bruciare i libri “sgraditi”, o a portarli al riciclaggio, dove si sarebbero trasformati in testi “adatti”.

Allo stesso modo il nazi-femminismo oggi plagia i bambini ad odiare i propri papà, ad esempio facendo loro vedere filmati in cui gli uomini sono dipinti come violenti, e si oppone con tutte le forze alle leggi ed ai giudici che proteggono i bambini da questo abuso sull’infanzia, chiamato Alienazione Genitoriale (PAS) dagli psicologi.   A tal fine le associazioni nazi-femministe specializzate in false accuse di violenza domestica raccontano che la PAS è violenza sulle donne, e le associazioni pedo-femministe specializzate in false accuse di pedofilia raccontano che la PAS servirebbe ad affidare i bambini ai pedofili.   Si tratta ovviamente di bambini che, dopo accurate indagini, vengono protetti allontandoli da madri che si sono servite delle nazi-femministe per costruire infami calunnie pedofile, per venire affidati ai papà calunniati.

Le nazi-femministe non solo persistono a sostenere accuse di pedofilia dimostrate false nei Tribunali, ma calunniano anche il defunto prof. Gardner, lo psichiatra che descrisse l’alienazione genitoriale come sindrome.

 

Hitler e le nazi-femministe

La pallottola d’argento

4 luglio 2012

Lo strumento ultimo per distruggere papà e bambini, la falsa accusa di pedofilia, viene chiamata «pallottola d’argento» nel gergo di quelle associazioni che aiutano le pedo-calunniatrici a denunciare falsamente i papà per allontanarli dei bambini:

«Le collaboratrici e le avvocate dei centri anti-violenza per donne chiamano “pallottola d’argento” la falsa accusa di abusi: funziona e colpisce sempre».

Aggiunge l’Express:

«vengono usati bambini piccoli, da 2 a 5 anni, che non presentano alcun segno di violenza, coinvolti in separazioni conflittuali in cui i nonni spesso assumono un ruolo decisivo»

Nessuno esce indenne dalle accuse, né il bambino né l’imputato né l’accusatore, ha detto il Giudice Lawrence Becuywe: dal momento in cui la pallottola d’argento viene sparata si entra nel campo della follia, odio o perversione allo stato puro.

Per le pedo-calunniatrici ed i loro avvocati può arrivare la giustizia: o quella ufficiale (la galera) o quella rapida (denuncia pubblica e/o abbattimento).

Ma le conseguenze più devastanti sono per i bambini: gli psicologi osservano che le false accuse hanno conseguenze gravi quanto la pedofilia vera e propria.

Eliminare i bambini maschi: nazi-femminismo sul Corriere

26 giugno 2012

Forum femministi discutevano di come “sterminare totalmente i maschi”, anche facendo morire di fame i bambini maschi.   Sul blog femminista “la 27aora” mantenuto dal principale quotidiano italiano: il Corriere della Sera è stato pubblicato il seguente commento nazi-femminista:

Immaginate lo stesso commento diretto contro gli ebrei… “dopo qualche decennio, morti tutti gli ebrei, rimangono solo gli ariani”.

QUESTO È NAZI-FEMMINISMO

In tale blog femminista i commenti dei lettori vengono moderati, e persone che smentiscono le falsità anti-uomo del femminismo lamentano che i loro commenti non vengono pubblicati.

Il tutto in un articolo che voleva essere contro la violenza, ma solo la violenza sulle donne.  Addirittura viene citata una avvocata femminista americana che, venendo pagata dall’ONU, lancia deliranti accuse contro l’Italia:

“Femmicidio e femminicidio sono crimini di Stato tollerati dalle pubbliche istituzioni … miglioramento della condizione di vita delle donne e delle bambine”

Come se uomini e bambini avessero meno diritti umani delle donne e delle bambine.

Come se l’uccisione di una donna (femmicidio) fosse un crimine più grave dell’omicidio.

Come se lo Stato italiano tollerasse l’omicidio.

La realtà è che l’Italia è uno dei paesi al mondo più sicuri per le donne: il tasso di omicidi di donne è di 5 per milione per anno.

Meno che in Svezia, Francia, Germania: eppure la femminista attacca l’Italia.

6 volte meno che negli USA: eppure la femminista americana attacca l’Italia.

Tale attacco viene usato per portare avanti l’agenda femminista: “finanziare centri antiviolenza” e levare i bambini ai papà.  Infatti la frase “ulteriore violenza perpetuata contro le donne è il regime dell’affidamento condiviso in seguito alla dissoluzione del matrimonio” viene attribuita alla femminista dell’ONU.

L’ONU ed il Corriere della Sera hanno un solo modo di tutelare la propria credibilità.