Archive for 17 aprile 2011

Vocabolario sinottico

17 aprile 2011

 

  • ABUSOLOGO.  1. Nella classificazione dell’aberrazione umana è l’anello di congiunzione fra la feminazista ed il pedofilo: l’abusologo si occupa di calunnie (come la feminazista) e di bambini (come il pedofilo).  Il suo lavoro consiste nel sostenere e/o costruire false accuse di pedofilia.  2. Esperto di abusi.
  • BIO-FEMMINISMO.  Dottrina che apoditticamente sostiene la superiorità razziale del genere femminile su quello maschile.
  • CALUNNIA DI GENERE. L’insieme delle falsità calunniose volte a dipingere il genere femminile come vittima di quello maschile per criminalizzare i “maschietti” e dare sfogo all’odio di genere.
  • FEMINAZISMO o FEMMINAZISMO vedi NAZI-FEMMINISMO.
  • LESBICACCE: donne che scelgono di essere lesbiche in quanto odiano gli uomini.
  • LESBICHE SEPARATISTE: lesbiche che rifiutano ogni contatto con il genere maschile.
  • ODIO DI GENERE. Il sentimento di odio verso il genere maschile che spinge alcune donne malate a diventare lesbiche e/o a darsi al nazi-femminismo.
  • MASCHIETTO.  Vocabolo usato dalle feminaziste per denotare gli uomini in senso dispregiativo.
  • NAZI-FEMMINISMO.  Degenerazione del femminismo, di cui ha tradito gli ideali di parità per darsi alla calunnia ed all’odio di genere (omicidio giudiziario di quanti più “maschietti” possibile, aborto e/o alienazione di quanti più bambini possibile, …).  Alcuni ritengono che il nazifemminismo non esiste, in quanto non è mai esistito un femminismo buono da cui differenziare il nazi-femminismo.
  • PEDO-CALUNNIATRICE. 1. Donna che usa bambini come strumento di calunnia e/o costruisce calunnie volte ad impossessarsi dei figli e/o lancia false accuse che coinvolgono bambini.
  • VIOLENZA DI GENERE. L’estrinsecarsi dell’odio di genere nazi-femminista contro uomini (false accuse) e bambini (alienazione genitoriale paterna).

 

Processo di Norimberga al nazi-femminismo

6 aprile 2011

Da più parti si chiede l’istituzione di un Tribunale Penale Internazionale deputato a giudicare i crimini del feminazismo.  Alla domanda “Il processo di Norimberga al nazi-femminismo dovrà prevedere anche la pena capitale?” il 66% dei votanti ha risposto “Sì, gli abusi multipli sui bambini vanno fermati”.

Occorre evitare quanto accaduto al processo di Norimberga al nazismo, nel quale la dottoressa H.O., pur riconosciuta colpevole di aver ucciso centinaia di bambini, uomini e donne con iniezioni di barbiturici, sulfamidici e benzina rimuovendo organi vitali, fu condannata a 20 anni di carcere, uscì dopo 5 anni tornando a fare la pediatra.

Occorre che le attuali nazifemministe, quali la ginecologa abusologa che ha sottoposto alle sue pratiche centinaia di bambine certificandole falsamente abusate causando l’allontanamento dalle loro famiglie e la morte per suicidio di padri e madri, vengano messe nelle condizioni di non compiere ulteriori atti pedo-criminali.