Vajassa Faldocci vittima di stalking

«Cari Uomini,

dopo tanti anni passati a difendere i diritti dei deboli, oggi sono io a chiedervi aiuto.  Sono vittima di uno stalker».

Inizia così l’appello di Vajassa Faldocci, una delle 40 milioni di donne vittime di stalking.

Ma chi può odiare una donna indifesa che ha dedicato le sue migliori energie per proteggere i diritti di donne e bambini dalle armi improprie della violenza maschile come la PAS e l’affido condiviso?

Gli inquirenti temono che ci sia la longa manus di movimenti neo-maschilisti vicini alla Lobby dei Padri Separati, che temono di perdere i ben noti vantaggi loro concessi in ambito giudiziario.

Candida Virginia

Femminista

L’amichetta giornalista  femminista specializzata in marchetin à pubblicato questo articolo per curare l’amia immagine pubblica e risollevare l’afigura dell’avvocata feminazi specializzata in false accuse.

Ci àbbiamo inventato l’astoria dello stalker, ke oggi và di moda.

Però… fanculo ai maski!!!

Addover fingere di chiedere il loro aiuto mi èvvenuto un attacco di emorroidi.

Lo stesso disgusto che provo quando vado addare direttive alle associazioni di Maski Pentiti e appagarli per le balle femministe che dicono a nostro favore.

Vajassata letta:1644
This entry was posted in Autodifesa transessuale, La Sorellanza è Potente. Bookmark the permalink.

Comments are closed.