Matricardi a RAI1 da Timperi. I dati ISTAT sul condiviso falsano la realta

Antonio Matricardi, Delegato Nazionale ADIANTUM e co-responsabile dell’Osservatorio Nazionale sul Condiviso, è intervenuto alla trasmissione “Mattino in famiglia” (RAI1), insieme ad altri addetti ai lavori, per discutere con Tiberio Timperi delle difformi modalità di applicazione del condiviso.

Durante venti minuti “densi” di contenuti, Matricardi ha messo in risalto come dal c.d. domicilio prevalente scaturisca una posizione di potere, per il genitore “collocatario”, che finisce con il replicare il precedente istituto dell’affido esclusivo. “La percentuale del 72% di applicazione della L. 54 riportata dall’ISTAT sui dati del 2007 – ha affermato il nostro delegato – non fotografa la realtà, perchè si tratta di falsi affidi condivisi, in cui all’attribuzione nominale del nuovo istituto corrispondono modalità del tutto identiche ad un affidamento monogenitoriale. Se poi andiamo a vedere le percentuali degli anni 2008 e 2009, arriviamo al 90% di falsi condivisi, che ormai sono la regola“.

 

Number of View :2513 Share
Questa voce è stata pubblicata in Archivio, Documenti, Primo Piano. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Matricardi a RAI1 da Timperi. I dati ISTAT sul condiviso falsano la realta

  1. Franco scrive:

    amici
    non dimenticate che il cosiddetto affido condiviso oltre a colpire i papà separati, colpisce in egual misura anche i papà dei papà separati!
    I nonni paterni, per i giudici del TdM sono colpevoli di aver messo al mondo quei papà che si sono separati (o che hanno subito la separazione).
    Per la Legge 54/06 i nonni o i nipoti (spesso minorenni) possono ricorre a vie legali per riaffermare il loro diritto di “mantenere un rapporto relazionale ed affettivo”: ma ci rendiamo conto??!! Il nipotino per far valere il proprio diritoo di frequentare il proprio nonno deve prendersi un avvocato? Oppure lo chiede alla mamma (affidataria)? Oppure lo chiede al papà che già ha difficoltà a poter frequentare il figlio?
    Credo che l’errore sia nel manico! Il giudice prima di emettere sentenza deve valutare (o far valutare da veri specialisti) anche tutta la situazione collaterale della famiglia in senso lato!
    Qual’è la posizione di Adiatum?

I commenti sono chiusi.