Giudice e la moglie picchiano la figlia

Il giudice familiare William Adams ha probabilmente allontanato molti papà dai figli, disposto misure ed accertamenti su papà accusati di violenza (nell’America femminista l’11% della popolazione è stato colpito da false accuse).

La figlia del giudice, allora di 16 anni, usa internet per procurarsi musica non acquistabile in maniera legale.  Il padre la picchia con una cintura, mentre la madre partecipa alle violenze: i fatti emergono in maniera inequivocabile dal filmato che la ragazza aveva girato di nascosto ed ha ora postato su youtube.

Judge William Adams beats daughter for using the internet (update)

Il giudice, che è stato immediatamente sospeso dalle sue funzioni ed è finito sotto indagine, si scusa: “cercavo solo di disciplinare mia figlia, scoperta a rubare.  Ho perso la calma e ho chiesto scusa.  Sembra peggio di quello che è”.  Riferisce che la figlia “ha postato il video dopo che il padre le aveva detto che avrebbe smesso di mantenerla finanziariamente e le stava levando la sua Mercedes Benz”.

La madre, ora divorziata, tenta invece di giustificare le violenze commesse sulla figlia presentandosi come un vittima: “ero completamente controllata ed avevo subito il lavaggio del cervello. Facevo ogni cosa che lui faceva”.  I bambini vittime di lavaggio del cervello possono compiere azioni sbagliate e vanno aiutati (ad esempio se sviluppano una Sindrome di Alienazione Genitoriale, PAS); ma in questo caso la signora è adulta.

 

Fonti:

  • http://www.dailymail.co.uk/news/article-2056582/Judge-William-Adams-beats-disabled-daughter-Hillary-16-YouTube-video.html
  • http://jonathanturley.org/2011/11/03/texas-judge-under-investigation-after-daughter-releases-video-of-savage-beating/
  • http://www.the-spearhead.com/2011/11/03/texas-family-court-judge-revealed-as-thug
  • http://content.usatoday.com/communities/ondeadline/post/2011/11/texas-judge-investigated-over-video-of-him-whipping-daughter/1

 

 

Number of View :2590 Share
Questa voce è stata pubblicata in Storie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.