on 26 agosto 2010 by Lorella in Archivio, Brevi, Primo Piano, Comments (2)

Gli omicidi intrafamiliari avvengono al 98.7% in coppie con prole quando uno dei due genitori mortifica l’altro come figura genitoriale

A causare gli omicidi intrafamiliari non è la mancata capacità di affrontare la fine di un rapporto. Gli omicidi avvengono al 98.7% in coppie con prole, non nel momento della separazione ma quando uno dei due genitori mortifica l’altro come figura genitoriale.

 

 

26 aprile 2010 – Fabio Nestola e  Dott. Mastronardi (Psichiatra/Criminologo)

Delitti in famiglia perchè?- False accuse, una delle cause scatenanti, figli sottratti, la delegittimazione della figura paterna, lo stupro psicologico-relazionale generato dallinterruzione giuridica del progetto genitoriale.
Osservazioni:
-A causare gli omicidi non è la mancata capacità di affrontare la fine di un rapporto.
-Gli omicidi avvengono al 98.7% in coppie con prole, non nel momento della separazione ma quando uno dei due genitori mortifica l’altro come figura genitoriale.

-Il 30% delle separazioni coinvolgono accuse di reati intrafamiari.
-L’80% di queste accuse si rivelano infondate: è una strategia, il modo più veloce di togliere di mezzo l’altra persona.

-Un bambino usato come strumento di una calunnia subisce un abuso.
Soluzione: sanzionare chi calunnia, fare sì che non sia più renumerativo inventare false accuse

*
*

*
*

Number of View :766

Tags: , , , ,

2 Comments

  1. Vittorio Vezzetti

    26 agosto 2010 @ 15:03

    Esiste anche una violenza femminile anche se è politicamente scorretto parlarne.

    http://www.papaseparatitorino.it/cronaca/2010/100321/100321.htm

  2. LAURA

    26 agosto 2010 @ 16:03

    vittorio, hai assolutamente ragione, non intervenivo sul punto ma facevo una comunicazione di servizio su questa pagina: XXXXXXXX………………

    [NOTA aggiunta dai moderatori: abbiamo eliminato i nomi, tanto più che temiamo tu abbia sbagliato ad identificare il signore che avevi indicato in negativo con il gruppo facebook indicato. Ci dispiace, ma preferiamo evitare di venire coinvolti nella delicata situazione descritta]

Leave a comment

XHTML: Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>