on 23 giugno 2011 by Lorella in Archivio, Primo Piano, Comments (0)

Carceri italiane: una enorme discarica sociale e umana

Opera, poliziotto tenta di suicidarsi in carcere

Un agente di polizia penitenziaria ha tentato il suicidio nel carcere di Opera. Frongia (Lisiapp): “Lavoro troppo difficile e carico di tensioni”

Un assistente capo di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Milano Opera ha tentato il suicidio ieri sera ed e’ ricoverato in gravissime condizioni nell’ospedale Fatebenefratelli di Milano. “La continuita’ e la periodicita’ con cui avvengono questi tristi eventi deve fare seriamente riflettere la nostra amministrazione – afferma Luca Frongia, segretario generale agg. del LiSiAPP (Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria) – che non puo’ non prendere atto delle manifestazioni piu’ drammatiche e dolorose di un disagio derivante, oltre che da problematiche attribuibili alla propria sfera personale, probabilmente anche da un lavoro difficile e carico di tensioni”.

I numeri testimoniano non più il disagio ma la tragedia che sfiora ogni giorno. In Italia ci sono 206 carceri e 44mila posti branda. Sono presenti 68mila detenuti. Quindi: 68mila contro 44mila. E già questo dato basterebbe a far capire quanto è vicino l’abisso. “In un Paese appena normale nessuno si sognerebbe di lasciare sulle spalle dei soli operatori di polizia penitenziaria il peso di un problema enorme come quello del sovraffollamento delle carceri”.

“Ma questo non è un paese normale – prosegue il segretario generale -. Perché non è normale un paese dove, dal 2000 ad oggi sono deceduti 1.800 detenuti di cui ben 650 per suicidio; e dove nello stesso periodo di tempo si sono uccisi anche 87 agenti di polizia penitenziaria. Nel solo 2010 ben 1.137 detenuti hanno tentato di togliersi la vita. Gli atti di auto-lesionismo sono stati 5.703; 3.039 i ferimenti. Le carceri italiane sono un enorme discarica sociale e umana: almeno un terzo di detenuti in attesa di giudizio; oltre la metà in carcere per reati legati all’immigrazione clandestina o per violazione della legge sulle tossicodipendenze”.

http://www.milanotoday.it/cronaca/opera-tentato-suicidio-carcere.html
Number of View :576

Nessun commento

Leave a comment

XHTML: Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>