“Well, that’s good enough”.
L’America sta uscendo dall’impasse del femminismo estremo o feminazi

Buona parte degli Unided States si sta svegliando. Dopo decenni di devastazione totale, culminata con almeno due generazioni cresciute nello sbando più totale.

Al contrario dell’EU, dove ancora invece si sta procedendo a passo di gambero, totalmente incapaci di essere uniti sia nel bene che nel male, specialmente per quanto riguarda le famiglie ed i bimbi.

Gli americani hanno una grande passione per il nuovo, ed anche una grande capacità di rimediare ai danni che questo provoca.

Con il femminismo estremo gli americani sono stati messi peggio di noi, anche perché in America il feminazi (chiamano normalmente così il femminismo estremo, l’unico che conoscano) ha distrutto soprattutto le famiglie povere, mentre la parte più ricca che guida il paese ne è rimasta relativamente immune.

Ma in America stanno già uscendo da quell’impasse durata decenni, nata su rivendicazioni di parità e terminata nel caos sociale più completo.

E ad uscirne è proprio la vera America, non Manhattan o San Francisco, dove il 90% della popolazione è ricca, bianca e, in genere, corrotta fino al midollo.

Quest’ultima parte dell’America non fa testo, come non fanno testo i nostri ricconi europei di Roma, Parigi e Londra.

Come sempre, gli americani seguono in tutto le tre regole fondamentali: target, budget e tempi.

Quando vedono che stanno sforando, mollano tutto perché non è più conveniente; la stessa cosa è successa col femminismo e con la distruzione totale della famiglia.

Quando il popolino ha visto che i soldi diminuivano, la frustrazione della vita di tutti i giorni aumentava, le carte di credito prese a “buffo” si moltiplicavano e si formavano schiere enormi (a volte, intere cittadine) di 20-40enni single e/o divorziate con figli a carico che NESSUNO si prendeva più, hanno detto “Well, that’s good enough“.

Ci vorranno comunque decenni per smaltire tutto il tossico prodotto nei passati 40 anni, ma almeno la “disintossicazione sociale” è cominciata.

Letto:726
Questa voce è stata pubblicata in Archivio, News, Primo Piano. Contrassegna il permalink.