Sinistra e Libertà: con le femministe o con i bambini?

 

La Provincia di Roma ha approvato all’unanimità una mozione per una campagna di sensibilizzazione su di un grave abuso che colpisce molti bambini coinvolti in separazioni conflittuali fra i genitori: l’alienazione genitoriale (PAS).

Gruppi femministi chiedono ai “compagni” del gruppo di Sinistra e Libertà di ritirare tale appoggio, in quanto, a loro dire:

questa campagna che, come è noto, ha una forte connotazione politico culturale segnata da un forte revanscismo maschile, ostile alle normative antiviolenza e alle normative mirate ad un riequilibrio di poteri e diritti tra i sessi. […]

Votare questa mozione istitutiva della giornata di celebrazione della PAS ha un valore politico di sostegno a posizioni reazionarie e retrive

Si tratta di falsità:

  • La giornata della consapevolezza dell’alienazione genitoriale è iniziativa di Sarvy Emo, una MAMMA canadese.
  • Cercare di negare un abuso sull’infanzia sulla base di questioni di genere è DELINQUENZIALE, tanto più che l’unico motivo per il quale più madri compiono questo abuso rispetto a padri è che le madri hanno maggiori occasioni di compierlo, in quei paesi come l’Italia in cui sentenze sessiste le preferiscono sistematicamente per l’affido dei figli ed il relativo mantenimento. Il viceversa accade nei paesi in cui i bambini sono preferenzialmente affidati ai padri.
  • I padri separati non sono cattolici di destra: la loro condizione ovviamente nulla ha a che vedere con il colore politico.
  • I padri separati non sono maschilisti, bensì sostengono affido condiviso e mantenimento diretto dei figli, leggi che sono la prassi in paesi come Svezia e Francia. La controversia con le femministe è una reazione alla vergognosa pratica delle false accuse, che ormai ammontano all’80% del totale.

Secondo il sondaggio effettuato dal gruppo Facebook “No alla violenza sulle donne”, l’89% di coloro che hanno risposto preferisce votare per un partito che ignora la richiesta delle femministe e continua ad impegnarsi per proteggere i bambini dall’alienazione genitoriale. Tale gruppo Facebook, dichiaratamente anti-femminista, ha 278.000 iscritti: decine di volte maggiore di qualsiasi gruppo femminista.

Evidente segno che le donne in grande maggioranza rifiutano l’odio di genere di poche femministe, e sostengono il diritto dei bambini a venire accuditi dalla loro mamma e dal loro papà senza venire coinvolti in conflitti e calunnie.

 

Letto:1013
Questa voce è stata pubblicata in affido condiviso. Contrassegna il permalink.