False accuse di violenza, femminismo, alienazione genitoriale: due bambini perdono il loro papà

Un papà ha avuto il coraggio di denunciare pubblicamente le associazioni che hanno aiutato una criminale a rovinare la vita ai suoi bambini.

La tragedia inizia quando una apparentemente normale madre di famiglia dice di avere un cancro in fase terminale e chiede al marito centinaia di migliaia di €.

La storia sembra credibile perché la donna si sottopone alla chemioterapia, perdendo i capelli ed accusando strani gonfiori.

Nel dicembre 2001 si scopre che i gonfiori erano un bambino: la donna che aveva mentito al papà finisce sui giornali come “madre miracolo”.  Il ginecologo rivela che non c’era nessun cancro, che aveva tentato di avviare la donna alla riabilitazione psichiatrica — sottoporre un feto alle radiazioni necessarie per la chemioterapia è pura follia.

Inizia la follia femminista, come narra il papà: “le dico che avrei chiamato la polizia per denunciare la sua frode, ma chiama prima lei e con ripetute false accuse mi ha rubato non solo i soldi, ma anche i figli, la libertà.  Sono fortunato ad essere sopravvissuto.  Ecco come ha fatto”.

L’uomo racconta di essere stato arrestato 5 volte e sempre riconosciuto innocente.  Solo nel 2008 il papà ottiene l’affido dei poveri bambini, e la donna è inseguita creditori e padroni di casa che vogliono i propri soldi.

Ma un centro anti-violenza finanzia un’avvocata per la donna, che sabota ogni contatto con il papà praticando l’abuso dell’Alienazione Genitoriale, in forma grave.

Il regali del papà spariscono, la sua immagine viene tagliata via dalle foto.  L’avvocata femminista della donna cerca di negare che l’Alienazione Genitoriale è abuso sull’infanzia, e giudici decidono che i bambini alienati non possono stare con il padre — quando l’allontanamento dal genitore alienante è invece l’unico modo legale di salvare i bambini.

Alla fine i bambini hanno perso il loro papà — il femminismo ha vinto — ma il papà dice che grazie al suo caso il sistema sta lentamente cambiando.

Un sistema che lasciava a questo papà l’omicidio come unico modo per salvare i figli da una calunniatrice alienante deve essere assolutamente cambiato.

 

 

http://www.afathersnightmare.com

Letto :1471
Questa voce è stata pubblicata in Testimonianze. Contrassegna il permalink.