Pedo-calunniatrice condannata a 14 anni ed a risarcire 852mila dollari

Number of View: 342

Ogni volta che la ex-moglie lo accusava di qualcosa Darryl Ginyard non poteva vedere le figlie per mesi.

In tutti i casi le accuse venivano alla fine giudicate false, ma intanto le bambine venivano strappate dal loro papà.

Quando la donna ha tentato anche la calunnia pedofila, il papà perse anche il lavoro in quanto il datore di lavoro venne informato con una telefonata anonima.

Dopo 6 anni di calunnie pedo-femministe la giustizia è arrivata: affido esclusivo delle figlie al papà, con diritti di visita alla donna.  Che però non può esercitarli in quanto è stata condannata a 14 anni di galera per calunnia, nonché a 852mila dollari di risarcimento.

Sentenze del genere possono costituire un valido deterrente alle pedo-calunniatrici che confidano di poter con impunità usare il sistema giudiziario come strumento di abusi sull’infanzia.

Fonte:

  • http://www.fathersandfamilies.org/2011/07/20/md-dad-gets-852k-judgment-for-ex-wifes-false-allegations/
  • http://www.mensrights.com/index.php/articles/are-there-laws-to-protect-a-man-from-an-ex-wifes-false-report.html
Posted in Uncategorized | Comments Off on Pedo-calunniatrice condannata a 14 anni ed a risarcire 852mila dollari

Concorso “Trova una Falsa Accusatrice che sia Stata Equamente Punita” e vinci 2000€

Number of View: 466

 

«metto in palio un’assegno da 500 (Cinquecento) Euro a chiunque riesca a trovare una donna che sia stata punita al massimo della pena in Italia per una falsa accusa di stupro.

Per facilitarvi il compito invece di chiedervi di rintracciare un caso in cui la condanna sia stata a 12 (dodici) anni mi limiterò a chiedervi un esempio che perlomeno pareggi la mia condanna a 7 anni e 1/2 di carcere o per la precisione 2.840 giorni di detenzione.
Ovviamente la sentenza deve essere senza sconti di pena (anche la mia è già scontata) e relativa al solo reato di calunnia come da Art. 368 CP.
In bocca al lupo!»

Lo scrive Carlo Parlanti, italiano condannato in America sulla base di una falsa accusa.

 

Altre persone si sono associate, facendo salire il montepremi a 2000€:

http://www.metromaschile.it/forum/proposte-per-nuove-iniziative/trova-una-falsa-accusatrice-che-sia-stata-equamente-punita/msg59144/

 

Qualcuno vincerà il concorso e intascherà l’assegno?

Oppure si dovrà concludere che la magistratura non persegue le calunniatrici?

Posted in Uncategorized | Comments Off on Concorso “Trova una Falsa Accusatrice che sia Stata Equamente Punita” e vinci 2000€

Lesbica, calunniatrice, arrestata per falsa accusa di stupro

Number of View: 473

Darren Palla, 25 anni, fu arrestato nel dicembre 2007 a seguito delle dichiarazioni di una donna, Alesha Watkins, che aveva sostenutoto di essere stata da lui stuprata dopo una festa a Rushden, Northants, nella contea di Northampton.

Daren trascorse 19 ore in custodia cautelare, fu incriminato e costretto a quattro udienze in tribunale per difendersi dall’accusa di stupro.

L’accusa fu abbandonata nel mese di luglio dopo che Watkins, 20 anni, disse alla polizia che stava ritirando la denuncia.

In un primo momento, disse che il suo “ripensamento”  era legato ad un contratto di 3.000 sterline e al fatto che stesse ricevendo  minacce dopo che si era avvicinata alla polizia. Ma anche quest’ultima affermazione era una menzogna.

In realtà, la lesbica Watkins, di Tewkesbury Drive,  Rushden,  aveva acconsentito al rapporto sessuale con il signor Ball.

Ella aveva bevuto alcon e usato cocaina prima di finire, a casa sua, a letto con l’uomo.

Quindi l’imputata è stata dichiarata responsabile di aver voluto deviare il corso della giustizia con le sue affermazioni calunniose.

Proseguendo, il difensore Alex Bull disse: “Ha detto che non fu violentata e che mentì perché si era pentita di aver fatto sesso con lui, ma non disse mai ‘stop’ all’uomo in nessun momento.”

Leggendo la relazione della vittima della calunniatrice, l’avvocato aggiunse: “Questa vicenda ha avuto un forte impatto sulla vita del signor Ball. A seguito della falsa accusa, egli  ha difficoltà nelle relazioni interpersonali.

“Egli iniziò infatti a bere pesantemente e cominciò a pensare seriamente di suicidarsi. L’uomo adesso ha una nuova compagna ma  ritiene che la falsa accusa di stupro sia stata responsabile della rottura della sua precedente relazione.

“Egli adesso vede i suoi figli solo durante le vacanze scolastiche.”

Condannando la Watkins a 20 mesi di galera, il Judge Charles Wide QC, disse: “Il nocciolo della questione è che essendo questa falsa accusa molto grave, la vicenda è andata molto avanti”.

“Un uomo totalmente innocente, di 25 anni e di buon carattere, è stato accusato falsamente di stupro”

“Fu arrestato nel dicembre 2007 e poi ha avuto quello che doveva essere un’esperienza dolorosa, in attesa di sapere se stava per essere incriminato e dopo aver trascorso 19 ore in carcere”.

“Hai detto un asacco di altre bugie che, se fossero state creduto, avrebbero reso la cosa ancora peggiore per la vittima innocente.

“Hai detto di voler ritirare la denuncia a causa di minacce ricevute.”

Nel corso del dibattito, Lisa Collins, la difesa, ha sostenuto che la sua cliente “emotivamente instabile” era “sinceramente dispiaciuta” per quello che aveva fatto passare all’uomo.

Ha detto: “Lei tende a non pensare alle conseguenze delle proprie azioni sugli altri. Lei chiaramente non ha avuto alcun pensiero circa l’impatto delle accuse sul signor Ball..”

 

http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/5077391/Lesbian-jailed-for-false-rape-accusation.html

http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/england/northamptonshire/7972627.stm

http://www.thefreelibrary.com/Lesbian+jailed+after+false+rape+allegation%3B+POLITICS.-a0196782756

 

Posted in Uncategorized | Comments Off on Lesbica, calunniatrice, arrestata per falsa accusa di stupro

La pratica delle calunnie femministe nel cinema

Number of View: 317

 

Le false accuse sono talmente diffuse che i film le descrivono come una cosa normale. In realtà sono una forma di pedo-criminalità. Occorre che la magistratura le punisca e smantelli le associazioni a delinquere spesso esistenti dietro a tante di queste calunnie

 

Posted in Uncategorized | Comments Off on La pratica delle calunnie femministe nel cinema

Ex moglie, condannata, muore in carcere

Number of View: 497

K.R., condannata al carcere dal 2010 al 2018 per aver falsificato in più occasioni l’evidenza accusando falsamente l’ex marito, è morta in carcere il 28/12/2011, due ore dopo che la Corte Suprema aveva rigettato il suo appello, confermando che “c’era evidenza sufficiente su cui una giuria razionale poteva trovare l’accusata colpevole oltre ogni ragionevole dubbio”. Condannati anche altri personaggi vicini alla donna, fra cui la madre.

La donna era inizialmente riuscita a far condannare con la propria “testimonianza” il proprio ex per violenza domestica, ottenendo l’affido esclusivo della figlia.

Poi ha accusato l’ex di persecuzioni rovinandogli la carriera, e presentandosi in TV come eroina femminista vittima del maschio violento che aspetta giustizia, in un programma dove le è stato permesso di dire che la bambina è felice, speriamo suo padre venga incarcerato prima che la bambina inizi la scuola!

Ma la giustizia è arrivata per davvero quando la polizia ha scoperto che la donna, dopo aver comprato una scheda telefonica a nome dell’ex, si era inviata da sola i messaggi minacciosi per i quali accusava l’ex.

Solo grazie a questa ingenua stupidaggine la situazione si è ribaltata: l’innocenza del papà è stata riconosciuta, la donna è stata riconosciuta come “mentitrice patologica” colpevole 12 volte di reati ciascuno dei quali comporta da 3.5 a 7 anni di carcere. Dalla prigione, non sapendo di essere intercettata, ha continuato a fare passi falsi.

Le cause della morte della donna non sono ancora state chiarite.

La donna lascia una figlia di 9 anni, che ha dovuto passare anni di una triste infanzia privata del papà, cambiando spesso casa credendo di fuggire da un papà falsamente accusato di violenza, rischiando così di subire l’alienazione genitoriale (PAS).

Di chi è la responsabilità di questa tragedia?

Se i Giudici avessero fin dall’inizio chiesto prove oggettive ignorando le accuse basate sul nulla oggi una piccola bambina avrebbe una vita normale con entrambi i genitori.

Se il femminismo non avesse distorto la Giustizia con false statistiche, leggi anti-uomo e deliri come la “violenza di genere” al fine di usarla come strumento contro gli uomini, tentando le donne criminali a calunniare per impadronirsi di figli, case, mantenimenti, oggi una donna sarebbe viva.

Fonti:

  • http://www.saveservices.org/2011/12/nh-false-accuser-kristin-ruggiero-found-dead-in-prison
  • http://www.nhinsider.com/richard-olson-jr/2010/12/22/the-most-dangerous-woman-in-new-hampshire.html
  • http://www.necn.com/Boston/New-England/After-years-of-threats-mother-seeks-justice/1216864492.html
  • http://www.fathersandfamilies.org/?p=7743
  • http://www.fathersandfamilies.org/?p=22607
  • http://www.fathersandfamilies.org/?p=9646
  • http://granitegrok.com/blog/2011/12/kristin-ruggiero-ex-boyfriend-gets-state-prison

 

Posted in Uncategorized | Comments Off on Ex moglie, condannata, muore in carcere

Mariti mandati a morte. Da avvocati ed ex-mogli

Number of View: 347


Posted in Uncategorized | Comments Off on Mariti mandati a morte. Da avvocati ed ex-mogli