Bambina cade dalla bicicletta

Una bambina di 5 anni ed alcuni ragazzini innocenti hanno rischiato di avere la vita devastata, di finire nelle case-famiglia degli abusologi, magari in mano a quegli psicologi che vogliono vedere pedofilia ovunque, e che li avrebbero insudiciati con la loro pedo-follia.

La Repubblica del 23/7/2011:

Bimba di cinque anni violentata da tre ragazzini in un casolare.

Taranto, la bimba attirata in un casolare con la scusa di fare delle foto. Identificati gli aggressori che probabilmente conosceva. La banda avrebbe abusato della piccola a turno

I medici non trovano tracce evidenti dello stupro ma questo, spiegheranno poi i sanitari ai carabinieri, non significa che non ci sia stato. Così in queste ore gli uomini del comando provinciale di Taranto stanno effettuando una serie di nuovi accertamenti e ascoltando varie persone. In ogni caso, a questo punto i sanitari decidono di chiedere alla bambina cosa è accaduto. Lo fanno al consultorio alla presenza di una psicologa. E la piccola, accanto al racconto lucido, comincia a fare disegni su quanto successo quel pomeriggio. Disegni secondo gli esperti assolutamente inequivocabili. […]

Si scatenano abusologi e femministe a discettare di violenza maschile e cultura patriarcale, ma, grazie alle indagini della polizia, si capisce che è tutta una bufala:

La Repubblica del 30/7/2011

Bimba violentata a Grottaglie. Si indaga per procurato allarme.

Nessuna violenza e ferite compatibili con una caduta. Mancano i riscontri al racconto dei genitori della piccola che hanno denunciato lo stupro di gruppo sulla figlia da parte di alcuni ragazzini della zona. L’ipotesi è anche di simulazione di reato

Number of View :2257
Questa voce è stata pubblicata in Follia collettiva. Contrassegna il permalink.